Il transito di Venere sul Sole fotografato dall’Osservatorio Astronomico di Monteromano (RA)

    /
    MeteoWeb

    Decine di milioni di persone in tutto il mondo hanno ammirato il passaggio di Venere tra la Terra e il sole, un fenomeno astronomico che si ripetera’ solo nel 2117. In Italia le buone condizioni meteorologiche hanno reso il fenomeno ben visibile a partire dalle 5,30 del mattino. Non e’ un fenomeno paragonabile all’eclisse causata dalla luna che, pur essendo sei volte piu’ piccola di Venere, oscura una parte consistente del sole perche’ piu’ vicina a noi. Si e’ trattato di un’occasione per gli scienziati di studiare la particolare atmosfera del nostro pianeta e di andare in cerca di nuovi pianeti extrasolari. Il fenomeno e’ stato osservato anche in Australia dove si lega al ricordo della spedizione del capitano James Cook a Tahiti del 1769 proprio per assistere al transito di Venere davanti al sole. Dopo il successo di quella missione, a Cook fu dato il copmando di una flotta britannica incaricata di cercare il continente oceanico del quale si supponeva l’esistenza e che fu infatti scoperto nel 1770.
    Enrico Montanari di http://antaresnotizie.blogspot.it/ stamattina ha seguito il transito di Venere sul Disco del Sole dall’Osservatorio di Brisighella (Monteromano), sulle colline romagnole in provincia di Ravenna. Ecco i primi scatti, quasi tutti con il buon vecchio metodo della proiezione con l’oculare, utilizzando il rifrattore da 150 mm.
    Nella prima c’è il sorgere del Sole sul mare, con Venere in transito, nelle ultime le valli e le colline romagnole: