Incendi: denunciati 5 presunti piromani in provincia di Reggio Calabria

MeteoWeb

Quattro persone sono state denunciate, in altrettante operazioni, dal personale del Corpo forestale dello Stato per incendio boschivo colposo. Nello specifico, il Comando stazione di Gioiosa Jonica, ha denunciato B.D., 77 anni, proprietario di un terreno in localita’ “Busalo” del comune di Gioiosa Jonica, da dove sarebbe partito un incendio che ha interessato anche una collina con esemplari di pino domestico di grandi dimensioni, aventi tra l’altro, un consistente valore forestale ed un inestimabile valore paesaggistico ambientale.  Nel bruciare alcune lavorazioni e scarti del terreno, l’uomo aveva perso il controllo del fuoco e le fiamme avevano interessato tutta la zona per una superficie di circa un ettaro. Nella seconda operazione, il personale del Nucleo investigativo del Comando provinciale, insieme ai colleghi del Comando stazione di Oppido Mamertina, ha denunciato un settantenne, L.D. Dalle verifiche in localita’ “Gioiello” di Seminara e’ emerso che anche in questo caso, l’uomo aveva perso il controllo del rogo acceso per bruciare sterpaglie, provocando un incendio piu’ ampio. Le altre due denunce sono state portate a termine dal reparto di Laureana di Borrello in due distinte operazioni che hanno interessato le localita’ di “Fossia-Prestia” e “Pirido-Ciuciola”, nei comuni di Maropati e Laureana di Borrello. Nel primo caso la denuncia e’ scattata nei confronti di una donna, L.M. di 40anni, che ha ammesso di aver perso il controllo delle fiamme mentre bruciava i residui vegetali nella sua proprieta’ ed intimorita dalla circostanza, di aver allertato immediatamente le autorita’ competenti. L’incendio ha interessato, danneggiandolo, anche parte di un bosco ceduo di castagno di sua proprieta’. Nel secondo caso, l’innesco di un incendio e’ stato individuato nella proprieta’ di S.R., di 55 anni, denunciato anch’egli per incendio boschivo colposo. Il rogo ha, tra l’altro, irrimediabilmente compromesso diverse piante di ulivo secolari radicate nella sua proprieta’.