Invasione di cavallette nel sud della Russia; in alcune regioni è già emergenza nelle campagne

MeteoWeb

Oltre al gran caldo i contadini russi devono fare i conti con un’altra calamità, ossia l’invasione delle cavallette. Da qualche settimana una grosso sciame di cavallette, provenienti dalla regione del Daghestan, ha invaso i campi coltivati delle regioni più meridionali della Russia europea e parte delle pianure caspiche occidentali, causando ingentissimi danni alle coltivazioni. Buona parte dei raccolti di grano sono stati compromessi dal fenomeno, fra le preoccupazioni degli agricoltori, già messi in ginocchio dalle alte temperature dei giorni scorsi, dove in molte località si sono superati i +40° all’ombra. Le autorità locali, per il timore di una possibile espansione dello sciame di cavallette verso nord, visto la presenza di una ventilazione dai quadranti meridionali, hanno predisposto l’invio di piccoli aerei che hanno il compito di spruzzare dei potenti pesticidi nelle aree interessate da questo insolito fenomeno che sta mettendo in ginocchio l’agricoltura di molte regioni della Russia meridionale. Purtroppo i danni sono notevoli e in molte aree, specie nel Daghestan, i raccolti sono stati completamente distrutti dall’incursione dei famelici animali.