Previsioni Meteo: da domani arriva la 1^ ondata di gran caldo, l’estate inizia subito a fare sul serio

MeteoWeb

Stanno iniziando ad aumentare le temperature in tutt’Italia, in vista della prima vera ondata di caldo estivo che ci aspetta nei prossimi giorni: in Sardegna già oggi si sono toccati picchi di +30°C mentre i +29°C sono stati raggiunti in alcune zone di Puglia, Marche e Romagna. Caldo anche a Bologna, con +28°C, e a Latina e Pescara con +27°C.
E’ chiaro che a partire da domani, giovedì 7 giugno, le temperature aumenteranno in modo ancor più significativo, con punte di +31/+32°C sia in Sicilia che in Sardegna e valori vicini ai +30°C su gran parte del centro/sud. L’ondata calda, di matrice SubTropicale, sarà anche decisamente umida e al suolo sarà accompagnata da venti tesi di scirocco. Quindi tutte le zone costiere esposte a sud/est avranno un flusso umido proveniente dal mare che renderà l’aria molto afosa, con temperature apparentemente più basse (mai oltre i +27/+28°C) ma con un tasso di umidità elevatissimo, tanto che gli indici di calore in queste aree potranno avvicinarsi ai +40°C. Ricordiamo che l’indice di calore è la temperatura percepita dal corpo umano, che si differenzia dalla temperatura in sè poichè è frutto del rapporto tra i gradi centigradi e la percentuale di umidità relativa. In questa nostra pagina è possibile comodamente calcolare l’indice di calore, avendo a disposizione i dati di partenza, cioè temperatura e umidità. Il risultato sarà la temperatura percepita dal corpo umano.
I venti di scirocco, però, provocheranno anche l’effetto opposto, e cioè il favonio, in molte aree come appunto nell’Emilia Romagna, o anche in alcune zone a valle dell’Appennino e nel nord/ovest della Sardegna. In queste aree l’aria sarà molto più secca e le temperature decisamente più elevate, con picchi superiori addirittura ai +35°C soprattutto tra venerdì e sabato.
Infatti il caldo di domani sarà solo un antipasto rispetto a quello che nel weekend invadrà l’Italia: le prime masse d’aria molto miti arriveranno dall’Algeria sulla Sardegna proprio venerdì, con un’impennata termica in tutto il centro/sud. Il giorno più caldo in generale dovrebbe essere quello di sabato 9, almeno al centro/sud, con picchi diffusamente superiori ai +35°C tra Puglia, Basilicata, Campania, Calabria e Sicilia. Invece al centro, tra Emilia Romagna, Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Abruzzo e Sardegna, le temperature più elevate si toccheranno dopodomani, venerdì 8, con picchi comunque superiori ai +30°C e in alcune zone vicini ai +33/+34°C, specie nel nord/ovest della Sardegna.
Al sud, e soprattutto tra Puglia, Calabria e Sicilia, continuerà a far caldo anche domenica, quando invece al centro/nord e in Sardegna le temperature diminuiranno e si accentuerà l’instabilità, proprio quell’instabilità che in tutti questi giorni all’estremo nord non mancherà mai. Mentre al centro/sud, infatti, si patirà la prima ondata di caldo estivo, Torino e Milano supereranno appena i +20°C come Verona, Brescia, Bolzano e molte altre località a nord del Po, per giunta con piogge, temporali localmente intensi e un piacevole fresco notturno, con minime tra +15 e +17°C (mentre al sud tra venerdì, sabato e domenica avremo minime elevatissime, addirittura in alcuni casi appena inferiori ai +25°C nelle zone costiere!).
La prossima settimana è confermato, come abbiamo già scritto nelle previsioni di ieri, il ritorno diffuso del maltempo quantomeno al centro/nord. Qualche dubbio in più sull’ipotesi che arrivi anche al sud, ma su questo torneremo nei prossimi aggiornamenti. Sicuramente dopo l’11/12 giugno arriverà una nuova saccatura Atlantica che riporterà il freddo al nord, con nevicate sulle Alpi, e forti temporali (con grandine) nelle Regioni centro/settentrionali.
Ma di questo parleremo meglio nei prossimi aggiornamenti, adesso concentriamoci sull’ondata di calore in arrivo. L’estate inizia subito a fare sul serio.