Terremoto: gli studenti che devono fare gli esami di maturità svolgeranno solo gli orali e sono ancora in attesa

MeteoWeb

Sara’ un esame di maturita’ diverso, ma non meno sofferto, quello degli studenti delle scuole superiori della Bassa modenese ferita dal terremoto. Il ministro dell’Istruzione Francesco Profumo ha disposto che i maturandi degli istituti di Finale Emilia, Mirandola e Carpi – ma anche quelli delle scuole medie – debbano sostenere solo la prova orale. E cosi’, questa mattina, nessuno ha dovuto presentarsi per lo scritto che invece ha impegnato i ‘colleghi’ in tutto il resto d’Italia. L’appuntamento e’ quindi davanti alle commissioni per lunedi’ prossimo, ma c’e’ anche una scuola – il liceo Manfredo Fanti di Carpi – che ha fissato alcune prove orali gia’ per dopodomani. ”Tanti studenti sono in situazioni di difficolta’ – ha spiegato Giorgio Siena, dirigente degli istituti ‘Pico’, ‘Luosi’ e ‘Cattaneo’ di Mirandola -. Molti di loro, per il sisma, sono costretti a vivere e a studiare nei camper. E ora si e’ anche aggiunto il problema del caldo”. Le scuole superiori di Mirandola si avvarranno di una tensostruttura accanto alle scuole medie per gli orali. A Carpi gli istituti superiori, a differenza di quelli della Bassa modenese, sono tutti agibili e gli orali saranno piano terra. ”Se qualche studente pero’ avra’ paura – ha detto la vicepreside dell’istituto ‘Vallauri’, Cristina Fregni – potremo spostarci nel cortile. L’esame non sara’ un ‘pro-forma’, ma e’ doveroso, in questa situazione, mettere a proprio agio i ragazzi”. Pensando gia’ al prossimo anno , l’assessore provinciale all’Istruzione di Modena, Elena Malaguti, ha confermato che per gli istituti ‘Luosi’, ‘Pico’ e ‘Galilei’ di Mirandola, ‘Calvi’ e ‘Morandi’ a Finale Emilia, saranno allestite strutture temporanee per lo svolgimento delle lezioni. Anche nelle province terremotate vicine, l’Ufficio Scolastico Regionale ha individuato sedi provvisorie per gli esami negli istituti di primo e secondo grado. Accade nel Bolognese a Crevalcore, nel Ferrarese a Bondeno, Cento, Sant’Agostino, Vigarano Mainarda e Mirabello, e nel Reggiano a Fabbrico e Reggiolo.