Terremoto, il sindaco di Finale Emilia è polemico: “la gente era tranquilla, ora c’è il panico a ogni scossa”

MeteoWeb

La gente era più tranquilla, ma ora l’ho vista piangere. Con queste nuove scosse e dopo le dichiarazioni dei giorni scorsi della Commissione Grandi Rischi” su possibili nuove scosse in Emilia “c’è più panico e crescono gli sfollati”. Lo ha detto il sindaco di Finale Emilia, nel modenese, Fernando Ferioli. A margine del consiglio straordinario di Confindustria Emilia-Romagna, alla presenza del presidente nazionale Giorgio Squinzi e del ministro allo Sviluppo economico Corrado Passera, Ferioli ha fatto il punto sugli sfollati. “Ci sono duemila attendati, sono cresciuti gli sfollati dopo le scosse delle ultime ore. Sono quattromila le richieste di sopralluoghi” per i danni del terremoto. “L’80% degli immobili fuori centro storico è agibile – ha spiegato il sindaco – invece la zona rossa è messa molto male ed è fortemente spopolata“. “Ho saputo che alcune aziende, da 100 a 400 dipendenti, sta pensando di delocalizzare – ha aggiunto – per questo abbiamo bisogno di provvedimenti precisi dal Governo: una ‘no tax area’, defiscalizzazione e risposte semplici“.