Terremoto in Turchia, almeno 60 i feriti ma nessun morto. Anche lì costruiscono meglio che in Italia…

MeteoWeb

E’ salito a 60 feriti il bilancio del sisma che ha colpito la provincia mediterranea turca di Mugla. L’agenzia per la gestione delle crisi Afad ha detto che al momento non si segnalano morti. Il responsabile provinciale della Sanita’ Cihan Teklin ha precisato che ”secondo le informazioni raccolte 59 concittadini si sono presentati negli ospedali dopo il terremoto, 54 dei quali a Fethiye”. Il sisma  ha avuto come epicentro la provincia mediterranea di Mugla, una destinazione turistica molto popolare. Secondo il vicegovernatore della provincia, diversi edifici sono stati danneggiati. Secondo le informazioni riportate dalle Tv tra i feriti non ci sono turisti. Residenti a Fethiye hanno raccontato che la scossa e’ durata almeno 30 secondi e molti sono rimasti all’aperto visto che ci sono state alcune scosse di assestamento. Il terremoto e’ stato sentito anche in altre province cosi’ come nella citta’ di Smirne a circa 330 chilometri da Fethiye e nell’isola greca di Rodi.
Le conseguenze di questo terremoto, più forte delle scosse che il 20 e il 29 maggio hanno provocato 26 vittime in Emilia Romagna e appena più debole del terremoto che il 6 aprile 2009 ha ucciso 309 persone a L’Aquila, dimostrano che anche in Turchia si costruisce meglio che in Italia, con norme antisismiche più rispettose.