Terremoto: piove sulle tendopoli, qualche pozzanghera ma nessun disagio

MeteoWeb

Qualche pozzanghera ma nessuna particolare criticita’ nelle 34 tendopoli allestite dalla Protezione civile in seguito ai terremoti del 20 e 29 maggio. E’ la situazione fotografata dalla stessa Protezione civile dopo la forte pioggia che ha battuto nella zona la notte scorsa e stamani. Dal primo pomeriggio e’ tornato il sole. Al momento, nelle tendopoli non sono arrivate nuove richieste di ospitalita’ da parte di chi vive in camper o in tenda nel giardino della propria casa, nonostante la forte scossa di ieri e l’acquazzone. ”Abbiamo un po’ d’acqua in qualche tenda e qualche piccolo pantano – spiega Simonetta Ruggero, a capo del campo di S.Possidonio (Modena) – ma qualche straccio e le griglie di plastica sono sufficienti a risolvere. La pioggia stamani ci ha costretto a rinviare le attivita’ che avevamo in programma, come la sistemazione dei giardini e una revisione della composizione delle tende e ha fatto si’ che i nostri ospiti non uscissero. Per il resto, niente di piu”’. Situazione analoga alla tendopoli di Mirandola (Modena), allestita dallo stadio: ”Il campo sportivo drena bene l’acqua – spiega il capocampo Cesare Noninoe fra le tende avevamo gia’ steso delle piste di terra battuta. A parte qualche pozzanghera, non ci sono stati altri problemi. Quello che temo e’ l’alternarsi caldo-freddo, che potrebbe far ammalare i nostri ospiti piu’ deboli, magari qualche anziano o bambino”.