Terremoto, protezione civile: “5.372 strutture verificate, il 38% è agibile”

MeteoWeb

Proseguono i sopralluoghi di valutazione dell’agibilita’ post-sismica svolti, con la scheda Aedes, da squadre di rilevatori in edifici pubblici e privati nell’area colpita dal terremoto. I sopralluoghi vengono effettuati da squadre di tecnici del Sistema di Protezione Civile Nazionale, prevalentemente appartenenti al Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, alle Regioni, agli Enti locali, alle Universita’ dell’Emilia Romagna e agli Atenei che operano nell’ambito della rete di laboratori di ingegneria sismica (ReLUIS). Lo comunica la Protezione civile in una nota. Sono inoltre impegnati nelle valutazioni di agibilita’ i professionisti formati con corsi specifici secondo precedenti protocolli d’intesa siglati con i consigli nazionali di geometri, architetti e ingegneri. Le squadre, ciascuna composta da almeno due tecnici, hanno cominciato le prime verifiche gia’ dallo scorso 20 maggio. In Emilia le strutture gia’ controllate sono 4.959. Di queste, 1.918 sono state classificate agibili, 849 temporaneamente inagibili ma agibili con provvedimenti di pronto intervento, 283 parzialmente inagibili, 79 temporaneamente inagibili da rivedere con approfondimenti, 1.610 inagibili e 220 inagibili per rischio esterno. In Lombardia, invece, le strutture gia’ controllate sono 413. Di queste, 119 sono state classificate agibili, 82 temporaneamente inagibili ma agibili con provvedimenti di pronto intervento, 36 parzialmente inagibili, 14 temporaneamente inagibili da rivedere con approfondimenti, 142 inagibili e 20 inagibili per rischio esterno. In totale, dunque, nelle due regioni sono stati verificati 5.372 edifici; di questi circa il 38 per cento sono stati classificati agibili, il 17 per cento temporaneamente inagibili ma agibili con provvedimenti di pronto intervento, il 6 per cento parzialmente inagibili, il 2 per cento temporaneamente inagibili da rivedere con approfondimenti, il 32 per cento inagibili e il 5 per cento inagibili per rischio esterno. Sul sito web del Dipartimento, www.protezionecivile.gov.it, e’ consultabile una sezione dedicata all’emergenza Sisma Emilia in cui quotidianamente vengono aggiornati anche i dati relativi alle verifiche di agibilita’ gia’ effettuate. E’ importante ricordare, prosegue la nota della Protezione civile, “che la valutazione di agibilita’ in emergenza post-sismica e’ una valutazione temporanea e speditiva, vale a dire formulata sulla base di un giudizio esperto e condotta in tempi limitati, in base alla semplice analisi visiva ed alla raccolta di informazioni facilmente accessibili, volta a stabilire se, in presenza di una crisi sismica in atto, i cittadini possano utilizzare gli edifici colpiti dal terremoto restando ragionevolmente protetti dal rischio di gravi danni. Per questo motivo la verifica di agibilita’ non mira a salvaguardare la costruzione da ulteriori danni, ma solamente la vita degli occupanti. Il giudizio di agibilita’ post-sismica riportato in fase di emergenza nella scheda Aedes, pertanto, e’ cosa diversa dalla certificazione di agibilita’ che, in ordinario, usualmente accompagna la costruzione o la modifica delle condizioni d’uso di un edificio. Analogamente, l’agibilita’ post-terremoto non va confusa con le diverse certificazioni disposte, in ordinario, dalla normativa vigente di settore: gli obblighi posti dal D.L. 81/2008 sulla sicurezza sui luoghi di lavoro, la verifica sismica obbligatoria per gli edifici e le opere strategiche per finalita’ di protezione civile o suscettibili di conseguenze rilevanti in caso di collasso, prevista dall’ordinanza 3274/03, ed infine la ‘verifica di sicurezza’ prevista dalle Norme Tecniche per le costruzioni di cui al decreto ministeriale del 14 gennaio 2008”, conclude la nota