La preoccupante allerta meteo dell’aeronautica militare: “in arrivo piogge alluvionali”. Mappe eloquenti

    /
    MeteoWeb

    Il Servizio Meteorologico dell’Aeronautica Militare entra nel dettaglio dell’evoluzione meteorologica, molto interessante, delle prossime ore sull’Italia, sottolineando nel commento sinottico sullo scenario europeo che “un’ampia area depressionaria continua a dominare gran parte dell’Europa, mentre solamente il Mediterraneo centro/orientale è ancora sotto un regime anticiclonico, seppur in indebolimento. In seno al flusso sud/occidentale così instaurato è presente un transiente che interessa la zona delle Alpi al bassopiano Sarmatico con un’intensa attività temporalesca. Inoltre l’espansione dell’anticiclone delle Azzorre verso est determinerà l’afflusso di aria relativamente più fresca e temperata sul bacino del Mediterraneo“. Nella diagnosi sinottica su area nazionale, gli esperti dell’aeronautica scrivono che “il nord è già interessato dalla parte terminale della saccatura derivante dal minimo Scandinavo, con ampia instabilità sulle Regioni orientali. Il resto del Paese è invece, come prima esposto, ancora sotto un regime prettamente anticiclonico con ventilazione al suolo debole in rotazione dai quadranti meridionali, che favorirà un relativo apporto di umidità. Nelle prossime ore, la predetta saccatura traslerà lentamente sulle Regioni centrali apportando attività temporalesca anche intensa, e localmente grandigena, su tutto il nord e sul medio Adriatico fino all’Umbria, I fenomeni tenderanno poi ad attenuarsi dal tardo pomeriggio sulle altre aree nord/occidentali. La ventilazione rinforzerà in serata sull’alto Adriatico e in Sardegna; ancora stabili le condizioni sul resto del Paese, seppur con ventilazione settentrionale in aumento e rinforzo di foehn sulle pianure del nord. Poi domani, domenica 22 luglio, la saccatura investirà tutta la penisola con un veloce processo di cut/off verso il tardo pomeriggio per l’avanzata dell’anticiclone delle Azzorre sul nord Europa. Il perfetto bilanciamento di instabilità convettiva e intenso shear del vento nei bassi strati è alla base di precipitazioni alluvionali sulle Regioni centrali Adriatiche, mentre l’avvezione di vorticità positiva che si incrementa velocemente sul Tirreno centro/meridionale determina rovesci anche sulle coste di Lazio, Campania, Calabria e Sicilia dalla seconda parte della giornata. Ventilazione sostenuta di grecale su tutte le Regioni centrali e sulle coste dell’alto Adriatico, di maestrale sulla Sardegna e di foehn al nord. Dopodomani, lunedì 23 luglio, il minimo dinamico ormai formatosi sul nostro territorio continuerà ad alimentare l’instabilità nei bassi strati con conseguenti precipitazioni prevalentemente temporalesche su tutto il centro/sud, di forte intensità su Marche e Abruzzo. Venti ancora sostenuti nord/orientali sul medio e alto versante Adriatico e Tirrenico, da nord sulla Sardegna e meridionali sul Salento“.

    Oltre all’analisi, l’aeronautica militare ha anche emesso un avviso di fenomeni8 intensi che riportiamo integralmente:

    AVVISO EMESSO ALLE ORE 12.00/UTC DEL 21/07/2012 FENOMENI INTENSI ENTRO LE PROSSIME 12/18 ORE: – ROVESCI TEMPORALESCHI, LOCALMENTE INTENSI, ACCOMPAGNATI DA FORTI RAFFICHE DI VENTO E CON POSSIBILI GRANDINATE, SU TRENTINO-ALTO ADIGE, VENETO E FRIULI-VENEZIA GIULIA, IN ESTENSIONE ALL’EMILIA-ROMAGNA E MARCHE; – SI PREVEDONO INOLTRE VENTI FORTI DA NORD-EST SULLE COSTE DEL FRIULI-VENEZIA GIULIA, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA E DA NORD-OVEST SULLA SARDEGNA. AVVISO EMESSO ALLE ORE 12.00/UTC DEL 21/07/2012 OGGETTO: AVVISO METEOROLOGICO N.41 EMESSO ALLE ORE 12:00 UTC DEL GIORNO 21/07/2012. SEGUITO: AVVISO N.40 DEL GIORNO 20/07/2012. AD INTEGRAZIONE DEL MESSAGGIO A SEGUITO, DAL POMERIGGIO DI DOMANI DOMENICA 22 LUGLIO: – LE PRECIPITAZIONI DI FORTE INTENSITÀ A CARATTERE DI ROVESCIO O TEMPORALE, LOCALMENTE GRANDINIGENE, CONTINUERANNO AD INTERESSARE L’EMILIA-ROMAGNA E LE MARCHE E SI ESTENDERANNO AD ABRUZZO, UMBRIA E MOLISE; – I VENTI FORTI DAI QUADRANTI SETTENTRIONALI INTERESSERANNO ANCORA PIEMONTE, LOMBARDIA, LIGURIA, SARDEGNA, LE AREE COSTIERE DI FRIULI-VENEZIA GIULIA, VENETO ED EMILIA-ROMAGNA, IN ESTENSIONE ANCHE A TOSCANA, UMBRIA, LAZIO, ABRUZZO E SICILIA. C.N.M.C.A. 

    Le mappe del modello COSMO: