Stato dell’ambiente 2011 grazie all’annuario dell’Ispra: aria e suolo restano tra le priorità del Paese

MeteoWeb

Non conosce sosta la crescita del consumo di suolo in Italia: a livello nazionale il ritmo ha ormai superato i 100 ettari al giorno e la superficie impermeabilizzata copre più del 6% dell’intero territorio nazionale. I valori più elevati del soil sealing si registrano in Lombardia, Veneto e Campania con concentrazioni maggiori in corrispondenza delle aree urbane, sulle coste e lungo i principali assi stradali. Il fenomeno assume proporzioni più ampie nelle grandi aree di pianura poiché non si limita all’espansione della periferia urbana ma si diffonde anche nelle aree agricole, naturali e semi naturali. Nelle principali aree urbane, il consumo di suolo arriva ad estendersi anche per più della metà del territorio comunale: supera il 60% a Milano e Napoli, mentre a Roma la superficie impermeabile cresce oltre i 300 ettari all’anno.

“Qualità dell’aria”: biossido di zolfo, ossido di carbonio, benzene e piombo non costituiscono attualmente un problema, se non a livello locale e in specifiche circostanze; continua invece l’emergenza per PM10,,PM2,5 ed Ozono(O3), anche se il 2010 – esclusivamente per il PM10 – segna un valore positivo. Infatti, oltre la metà delle stazioni di monitoraggio presenti sul territorio (58%) registra valori al di sotto dei limiti. Per questo inquinante (PM10 primario) le sorgenti principali rimangono il settore civile (45%) e i trasporti ( 4% – poco più dei 2/3 provenienti da quello stradale).

Situazione diversa per l’ozono estivo (O3): nel 2011 (da aprile a settembre compresi) l’obiettivo a lungo termine per la protezione della salute umana (120 ?g/m3) non è stato superato solo nell’8% delle stazioni.

In 7 anni (2000 – 2007), il 37% dei litorali ha subito variazioni dell’assetto delle linee di riva superiori a 10 metri e i tratti di costa in erosione (897 km) sono ancora superiori a quelli in progradazione (851 km). L’arretramento della linea di riva e la perdita di superficie costiera sono particolarmente evidenti e profonde in corrispondenza delle foci dei fiumi. Nel periodo di riferimento, sono andati persi 600.000 m2 di spiagge.

In crescita il numero dei litorali stabilizzati artificialmente: circa 250 gli interventi realizzati nell’arco dello stesso periodo, insieme a 16 km di nuove scogliere e più di 1 km di opere radenti.

E’ questo, in sintesi, il quadro descritto dall’Annuario dei dati ambientali 2011, il report frutto del lavoro svolto dal Sistema delle Agenzie Ambientali, presentato questa mattina a Roma dall’ISPRA.

Per quanto riguarda i cambiamenti climatici, il 2010 è stato per l’Italia il diciannovesimo anno consecutivo con anomalia termica positiva e il suo valore è il diciottesimo della serie a partire dal 1961. Negli ultimi 14 anni i giorni estivi (con temperatura massima dell’aria maggiore di 25°C) e le notti tropicali (con temperatura minima maggiore di 20°C) sono stati sempre maggiori delle rispettive medie climatologiche

Si riducono del 3,5% le emissioni totali di gas ad effetto serra passando, tra il 1990 e il 2010, da  519,25 MtCO2eq a 501,32 MtCO2eq, anche se, in base al Protocollo di Kyoto, l’Italia dovrebbe portare le proprie emissioni a livelli del 6,5%, ossia a 483,26 MtCO2eq (2008-2012). Nel 2010, rispetto al 2009, l’Inventario delle emissioni dei gas serra dell’ISPRA segna un + 2%, (18,1 MtCO2eq in più rispetto a quelle previste dall’obiettivo di Kyoto). A partire dal 2008, il Paese ha accumulato un debito di emissioni pari a 84,7Mt di CO2 equivalenti.

Ancora alto il livello di minaccia per la biodiversità che rischia di essere irrimediabilmente perduta;  nel dettaglio oltre il 50% dei vertebrati – pesci d’acqua dolce, anfibi e rettili – come il 15% delle piante superiori e il 40% di quelle inferiori. La trasformazione e modificazione degli habitat naturali (per il 50,5% delle specie minacciate), l’uso di pesticidi e l’ inquinamento delle acque (per il 32%) insieme a taglio dei boschi ed incendi (17,5%) sono, tra tutte le influenze antropiche indirette, le minacce più frequenti. Tra quelle dirette rientrano invece il bracconaggio e la pesca illegale (che minacciano il 21% delle specie a rischio). Positiva la risposta delle istituzioni nazionali: tra le varie forme di protezione del patrimonio naturale il nostro Paese dispone di “Rete Natura 2000”, costituita da ZPS e SIC che, al netto delle sovrapposizioni, ammontano oggi a 2.564 siti, per una superficie complessiva di 6.316.664 ettari (pari al 21% del territorio nazionale). In totale sono 871 le aree protette che occupano una superficie a terra di oltre 3 milioni di ettari (10,5% del territorio nazionale), mentre le superfici a mare tutelate includono anche  27 Aree  Marine  Protette.

Nel settore delle attività nucleari, la maggior parte dei trasporti di materie radioattive effettuati sul territorio nazionale concerne sorgenti utilizzate in campo industriale (il 6%), il settore dei rifiuti (11,6%) e soprattutto il campo della medicina nucleare e della ricerca (82%). In termini di volumi, il Lazio è la regione con la maggior presenza sul territorio di rifiuti radioattivi, seguita da Piemonte 18,0%, Emilia-Romagna 14,6%, Campania 11,0% e Lombardia 10,7%, mentre in termini di radioattività la regione più interessata è il Piemonte con il 72,3%.

Cresce la produzione di rifiuti urbani che nel 2010 si attesta a 32,5 milioni di tonnellate (+1,15% rispetto al 2009). Aumenta, rispetto al 2009, anche il procapite dei rifiuti urbani (536 kg per abitante),  circa 4 kg all’anno in più per abitante. A livello di macroarea geografica, il Centro fa ancora registrare i maggiori valori di produzione pro capite, con circa 613 kg per abitante per anno, mostrando tuttavia una progressiva riduzione già a partire dal 2006

L’Italia si conferma ai primi posti in Europa per la diffusione delle certificazioni Emas ed Ecolabel, anche se non avviene ancora in modo strutturale per via dei livelli di sensibilità o degli incentivi diversi tra le regioni e i settori produttivi.

Uno sguardo alle abitudini ambientali delle famiglie italiane: In aumento nel 2010, rispetto all’anno precedente, il numero delle famiglie che dichiarano di raccogliere abitualmente i rifiuti in modo differenziato, utilizzando gli appositi contenitori. Quelli più differenziati, tra i diversi tipi di scarti, risultano vetro (73,9%), carta (72,7%) e plastica (68,4%). Ogni cittadino europeo, infine, consuma in media 200 litri d’acqua al giorno, circa 20 secchi da 10 litri.

SUOLO

Consumo

È elevato il consumo di suolo e incessante l’incremento del fenomeno dell’impermeabilizzazione in Italia e nelle principali aree urbane. A rilevarlo è il sistema di monitoraggio Ispra-Agenzie Ambientali che segnala tra le cause principali una generale accelerazione, negli anni successivi al 2000, dell’espansione edilizia e di nuove infrastrutture. A livello nazionale, il consumo di suolo ha ormai superato i 100 ettari al giorno e la superficie impermeabilizzata copre più del 6% dell’intero territorio nazionale. I valori più elevati del soil sealing si registrano in Lombardia, Veneto e Campania con concentrazioni maggiori in corrispondenza delle aree urbane e lungo i principali assi stradali. Il fenomeno assume proporzioni più ampie nelle grandi aree di pianura dove agli effetti indotti dall’urbanizzazione devono essere sommati anche quelli derivanti dall’agricoltura intensiva (compattazione dei suoli). Nelle principali aree urbane, il soil sealing, in alcuni casi, si estende ormai anche per più della metà del territorio comunale; supera il 60% nei comuni di Milano e Napoli. Il trend crescente vede, nel solo comune di Roma, un incremento della superficie impermeabile, pari a più di 300 ettari annui.

Frane

Dall’ISPRA insieme alle regioni e le province autonome sono state censite più di 486.000 frane che interessano un’area di oltre 20.700 km2, pari al 6,9% del territorio nazionale (Inventario dei Fenomeni Franosi in Italia). Nel 2011 sono stati rilevati 70 eventi che hanno causato complessivamente 18 vittime. I comuni italiani interessati da frane sono 5.708, pari al 70,5% del totale.  2.940 sono stati classificati con livello di attenzione molto elevato, 1.732 comuni con livello di attenzione elevato e 1.036 comuni con livello medio. I restanti 2.393 comuni presentano un livello di attenzione trascurabile (comuni nei quali non è stata censita alcuna frana. Oltre il migliaio sono le persone evacuate con ordinanza di sgombero e ingenti sono stati i danni alla rete autostradale, stradale e ferroviaria. I principali eventi di frana sono distribuiti su gran parte del territorio italiano e in particolare nelle Regioni Liguria, Calabria e Sicilia.

Eventi sismici

La Penisola italiana rappresenta uno dei Paesi europei a maggiore pericolosità sismica. Le aree maggiormente interessate sono localizzate nel settore friulano e lungo la dorsale appenninica centro-meridionale, in particolare nei bacini intra-appenninici, lungo il margine calabro tirrenico e in Sicilia orientale

In queste zone, infatti, si sono verificati i più forti terremoti storici italiani alcuni dei quali hanno raggiunto Magnitudo maggiori di 7 (Calabria, Sicilia orientale e arco appenninico centro-meridionale) e intorno a 6,5 lungo tutta la catena appenninica e le Alpi orientali.

In un solo anno (dal 1° ottobre 2010 al 31 ottobre 2011) sono stati oltre 2.000 gli eventi sismici di Magnitudo locale maggiore o uguale a 2, distribuiti essenzialmente lungo l’arco appenninico e, in minor misura, lungo quello alpino. La maggiore frequenza si riscontra in territorio calabrese, abruzzese e siciliano.

Siti contaminati

Sono 57 i Siti di Interesse Nazionale che rappresentano più del 3% del territorio italiano e a livello regionale sono oltre 15.000 i siti potenzialmente contaminati e oltre a 4.000 quelli contaminati. Lo stato di avanzamento degli interventi di bonifica è piuttosto disomogeneo a livello nazionale con un quadro nazionale “a due velocità”: numerosi sono gli interventi avviati e/o completati al Nord, mentre al Sud le percentuali di siti bonificati sono ancora esigue. Il trend è comunque positivo rispetto agli anni passati.

I principali inquinanti riscontrati all’interno dei suoli sono i metalli pesanti (39%), seguiti dagli idrocarburi CHC, IPA, BTEX (35%.). Posizione inverse per le acque sotterranee e superficiali, per le quali i principali inquinanti sono gli idrocarburi (48%) e, in seconda posizione, i  metalli pesanti (30%).

QUALITÀ DELL’ARIA:

Nel 2010, oltre la metà delle centraline presenti sul territorio nazionale (58%) hanno segnato un valore giornaliero per il PM10 al di sotto dei limiti. La fonte principale di inquinamento atmosferico per questo indicatore si conferma il settore civile ( 45%), seguito dai trasporti con il 24% (di cui poco più dei 2/3 provenienti da quello stradale),  dall’industria (15%) e dall’agricoltura (9%).

Anche per al PM2,5, in 77 stazioni (82% del totale) è stata registrata una media annua inferiore al valore limite annuale. I maggiori livelli di emissione, anche per questo inquinante, arrivano sempre dal settore civile (52%), da quello dei trasporti (26% – 2/3 proviene dal trasporto stradale- ), dall’ industria (13%) e dal trattamento e smaltimento dei rifiuti (6%).

Situazione differente per l’ozono: nel periodo estivo 2011 (da aprile a settembre compresi) solo nell’8% delle centraline (21 stazioni su 316) non sono stati registrati superamenti .

EMISSIONI DI GAS SERRA

Per quanto riguarda la CO2, la concentrazione atmosferica media globale (a livello mondiale) è cresciuta da 280 ppm nel periodo 1000-1750, a 389 ppm nel 2010, mentre dal periodo preindustriale al 2009 è stata registrata una crescita delle emissioni annue di anidride carbonica da circa 0 a 30,8 miliardi di tonnellate, tenendo conto esclusivamente delle emissioni provenienti dall’utilizzo dei combustibili fossili nei processi di combustione e nella produzione del cemento. Anche per altri gas serra, come il metano, il protossido di azoto e i fluorocarburi, si registrano andamenti analoghi, se non ancora più accentuati.

A livello globale, nel 2009, l’Italia è responsabile di non più dell’1,34% delle emissioni complessive provenienti dall’uso dei combustibili fossili, occupando la 14a posizione tra i Paesi con i maggiori livelli di emissioni di gas serra.

In base ai dati dell’Inventario nazionale dell’ISPRA, tra il 1990-2010, le emissioni passano da 519,25 a 501,32 milioni di tonnellate di CO2eq, con un decremento del 3,5%, ma, secondo il Protocollo di Kyoto, l’Italia dovrebbe riportare le proprie emissioni nel periodo 2008-2012 a livelli del 6,5% inferiori rispetto a quelle del 1990 (ossia a 483,26 Mt CO2eq). Le emissioni di gas serra sono risultate 18,1 MtCO2eq in più rispetto quelle previste dall’obiettivo di Kyoto.

A partire dal 2008, il Paese ha accumulato un debito di emissioni pari a 84,7Mt di CO2 equivalenti.

Cambiamenti climatici

A livello globale, le stime relative al 2010 indicano un’anomalia della temperatura media globale (sistema terra-oceano) di 0,62 °C rispetto alla media del XX secolo, valore che pone il 2010, insieme al 2005, al 1° posto tra gli anni più caldi di tutta la serie.

L’aumento medio registrato negli ultimi 30 anni è stato quasi sempre superiore a quello medio globale sulla terraferma. Tuttavia, nell’anno di riferimento, l’anomalia della temperatura nel Belpaese (+0,51°C) è stata inferiore a quella globale sulla terraferma (0,93°C). Il 2010 è stato per l’Italia il diciannovesimo anno consecutivo con anomalia termica positiva, e il suo valore è il diciottesimo della serie a partire dal 1961. Negli ultimi 14 anni i giorni estivi (ossia giorni con temperatura massima dell’aria maggiore di 25°C) e le notti tropicali (ossia notti con temperatura minima dell’aria maggiore di 20°C) sono stati sempre maggiori delle rispettive medie climatologiche.

RUMORE

Dopo un generale incremento dei volumi, rimane stazionario l’andamento delle principali sorgenti di rumore: i dati relativi al traffico aeroportuale, dopo un aumento del 17,7% registratosi tra il 2003 e il 2007, mostrano nell’ultimo quadriennio (2007-2010) una riduzione del 6,5%, trend che non si è però mantenuto tra il 2009 e il 2010, periodo in cui si evidenzia una crescita del 3,7%.

Nel 2010 sono state 2.529 le sorgenti di rumore oggetto di controllo con percentuali distinte nei diversi settori: attività di servizio e/o commerciali 52,5%, quelle produttive (31,5%); infrastrutture stradali (5,9%). Circa l’89% delle sorgenti controllate lo sono state a seguito di esposto.

Il 46,2% dei comuni italiani che ha approvato la classificazione acustica al 31 dicembre 2010, in particolare Marche (97%), Toscana (94%), Liguria (85%), Piemonte (73%).

Al 2010 risulta la caratterizzazione acustica dell’intorno aeroportuale in 15 sui 40 aeroporti nazionali mentre in 11 è in corso di valutazione.

Per quanto riguarda le infrastrutture autostradali, il 94,2% dei chilometri di infrastrutture autostradali in concessione sono state oggetto di analisi nell’ambito dei Piani di Contenimento e Abbattimento del Rumore (PCAR), per il 3,9% deve essere presentato, mentre solo l’1,9% è stato dichiarato non necessario di interventi da parte del gestore.

Radiazioni non ionizzanti

Le stazioni radio base per la telefonia mobile presentano, nel 2010, una densità di impianti circa 3 volte superiore rispetto a quella degli impianti radiotelevisivi, mentre quella relativa ai siti SRB (stazioni radiobase per la telefonia) è circa 6 volte superiore rispetto a quella dei siti RTV. Nell’arco di 1 anno (2009-2010) aumentano del 15% gli impianti e del 12% i siti SRB sul territorio nazionale, mentre è lieve (5%) la crescita per gli impianti RTV .Le informazioni provengono dalle regioni che hanno fornito il dato completo per i due anni considerati per entrambe le tipologie di impianti (Piemonte, Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Emilia-Romagna, Toscana, Umbria, Marche e Molise).

Complessivamente, la potenza degli impianti RTV (10.830 kW) è circa 2,6 volte quella degli impianti SRB (4.207 kW)..

Sulla base dei dati contenuti nell’Osservatorio CEM, per le regioni di cui si dispone del dato aggiornato al 2011 per entrambe le tipologie di sorgente RF (Valle d’Aosta, Lombardia, Veneto, Friuli-Venezia Giulia, Liguria, Emilia-Romagna, Umbria, Marche e Abruzzo), i casi di superamento dei limiti di legge riguardo agli impianti RTV (356) sono circa 10 volte superiori a quelli relativi agli impianti SRB (pari a 36).

Aumenta, infine, la percentuale di risanamenti conclusi (86%) per gli impianti SRB, rispetto agli impianti RTV (60%).

Energia

Anche se i dati relativi al settore energetico evidenziano una serie di cambiamenti in atto negli approvvigionamenti, le modifiche del mix delle fonti primarie non hanno comunque ridotto l’elevata dipendenza energetica del nostro Paese che passa dall’82,8% del 1990 all’ 82,1% del 2010. Ancora lontani dall’obiettivo di consumo di energia rinnovabile assegnato all’Italia (17% del consumo finale lordo): la percentuale del 2009, infatti, appare decisamente inferiore (8,9%).

Il consumo interno lordo di energia è stato pari a quasi 188 Mtep con un incremento dal 1990 al 2010 del 14,9%. Relativamente alla distribuzione degli impieghi finali di energia (usi non energetici e bunkeraggi esclusi), il settore residenziale e terziario assorbe il 38,5% di energia, seguito da quello dei trasporti e industria, rispettivamente 33,8% e 25,4%. Agricoltura e pesca rappresentano il restante 2,4% dell’impiego finale di energia.

TraSporti

Il traffico veicolare, dopo un aumento del 61% tra il 1990 e il 2007, si stabilizza dal 2008 sugli 83 milioni di veicoli-km. Per quanto riguarda il traffico ferroviario, nel 2009 sulla rete delle Ferrovie dello Stato hanno circolato 314 milioni di treni-km per il trasporto dei passeggeri (+5,2% rispetto al 2004) e 43 milioni di treni-km per il trasporto delle merci (-32,5% rispetto al 2004).

Il settore dei trasporti nel 2010 è responsabile del 30,6% del consumo totale di energia finale e del 63,6% del consumo finale di petrolio.

Per quanto riguarda i consumi energetici di carburanti usati nei trasporti, rimane ancora lontana la diffusione del biodiesel e di altri carburanti di origine vegetale: Benzina, Diesel e Carboturbo rimangono i carburanti più utilizzati 91%, mentre quelli fossili a minore impatto ambientale e i Biocarburanti si attestato rispettivamente al 5% e al 4%.

Biodiversità e minacce

La fauna terrestre è costituita da circa 42.000 specie finora identificate in Italia, di cui oltre il 9% sono di particolare importanza in quanto endemiche. La consistenza delle specie degli habitat d’acqua dolce (esclusi i Protozoi) è stimata in circa 5.500 specie, ovvero quasi il 10% dell’intera fauna italiana. La checklist della fauna marina italiana include più di 10.000 specie e, data la posizione geografica dell’Italia, esse rappresentano la gran parte delle specie del Mediterraneo.

Rimane però alto il livello di minaccia per la biodiversità che rischia di essere irrimediabilmente perduta: oltre il 50% dei Vertebrati, in particolare i Pesci d’acqua dolce, gli Anfibi e i Rettili, sono in pericolo ( 1/3 delle specie ittiche, 1/6 delle specie di Rettili e ben il 66% delle specie di Anfibi minacciate sono endemiche), così come il 15% delle piante superiori e il 40% di quelle inferiori. In dettaglio, le entità vegetali italiane a rischio comprendono 772 specie di epatiche, muschi e licheni e 1.020 piante vascolari. Le maggiori minacce al patrimonio naturale sono legate principalmente all’impatto delle attività umane e a una richiesta di risorse naturali e di servizi ecosistemici sempre più accentuata e sempre meno compatibile con la loro conservazione in uno stato tale da garantirne la sopravvivenza e la trasmissibilità alle generazioni future. La tipologia di minaccia più frequente (50,5% delle specie minacciate), tra tutte le influenze antropiche indirette è rappresentata dalla trasformazione e modificazione degli habitat naturali, seguita dal’uso di pesticidi e inquinamento delle acque (32%) e dagli incendi e taglio dei boschi (17,5%) . Il bracconaggio e la pesca illegale (21%) rientrano, invece, tra le influenze antropiche dirette.

PESCA

Prosegue l’andamento iniziato nel 2000, che vede un ridimensionamento della flotta peschereccia in termini di numero di battelli (-0,6% rispetto al 2009) e in termini di potenza complessiva (-1,9% rispetto al 2009). Anche il valore di tonnellaggio complessivo della flotta nazionale continua a mostrare una costante flessione annuale (-3,3% rispetto al 2009). Lo sforzo di pesca (tonnellaggio per giorni medi di pesca), in costante diminuzione dal 2005, ha registrato un aumento dal 2008 al 2009, passando dal valore di 25,2 a quello di 26,5, per poi riprendere a diminuire tra il 2009 e il 2010, anno in cui presenta un valore di 25,5; le catture per unità di sforzo (Catch Per Unit of Effort – CPUE), pari a 8,7 kg, rimangono in linea con i valori degli ultimi due anni (MIPAAF-IREPA, 2010). In ambito europeo l’Italia effettua circa il 5% del totale delle catture.

Le varie forme di protezione del patrimonio naturale nazionale

Tra le varie forme di protezione del patrimonio naturale nazionale, il nostro Paese dispone della Rete Natura 2000, costituita da Zone Protezione Speciale e Siti Importanza Comunitaria che, al netto delle sovrapposizioni, ammontano a 2.564 siti, che occupano una superficie di 6.316.664 ettari, pari al 21% del territorio nazionale. A livello nazionale sono 871 le aree protette che occupano una superficie a terra di oltre 3 milioni di ettari (10,5% del territorio nazionale), mentre le superfici a mare tutelate includono anche 27 Aree Marine Protette.

Le zone umide (aree Ramsar) sono 57 e coprono oltre 60.000 ettari.

Mare e ambiente marino costiero

Diminuiscono sensibilmente le acque chiuse alla balneazione, che passano da 310 della stagione 2009 a 33 del 2010.

Quantitativamente l’Italia presenta 4.896 acque di balneazione, pari al 33,7% delle acque di balneazione costiere di tutta l’Europa. In totale sono conformi, nel 2010, l’85,3% delle acque, di cui il 77,2% ai valori guida e l’8,1% ai valori imperativi.

Le oscillazioni termiche annue nei mari che circondano la Penisola raggiungono circa 16 °C nel Tirreno e 22 °C nell’Adriatico, a fronte di una temperatura media, rispettivamente di 19,5 °C e di 18,2 °C.

Il livello medio del mare è in tendenziale aumento a Venezia. Il valore massimo assoluto è da riferirsi al 2010, con 40,5 cm sullo Zero Mareografico di Punta della Salute. Il precedente massimo era riferito al 2009, con 33,4 cm.

In 7 anni (2000 e il 2007), il 37% dei litorali ha subito variazioni dell’assetto della linea di riva superiori a 10 metri e i tratti di costa in erosione, 897 km, sono ancora superiori a quelli in progradazione (851 km). Un esempio di rilievo delle variazioni nei periodi analizzati su un tratto di litorale in evidente e progressivo stato di erosione è la foce del fiume Sinni in Basilicata (dal 1950 al 2007 si spostata di 500 metri).

Tra il 1994 e il 2007 sono state dragate ai fini di ripascimento,più di 14.000.000 di m3 di sabbie relitte tra la provincia di Venezia e lungo le coste laziali. Tra il 2008 e il 2010 non risultano interventi di dragaggio.

Stabilimenti a rischio di incidente rilevante

Sono 1.131 al dicembre 2011 gli stabilimenti RIR ( rischio di incidente rilevante) attivi in Italia, dei quali circa 281 insediati in Lombardia, 102 nel Veneto, 99 in Emilia-Romagna e 97 in Piemonte. Sul territorio nazionale sono presenti in prevalenza stabilimenti petrolchimici e di GPL (circa il 50% del totale).

Attività Nucleari

La gran parte dei trasporti di materie radioattive effettuati sul territorio nazionale concerne sorgenti utilizzate in campo industriale (6%), nel settore dei rifiuti (11,6%) e nel campo della medicina nucleare e delle ricerca (82%). In termini di volumi, il Lazio (28,6) è la regione con la maggior presenza sul territorio di rifiuti radioattivi, seguita dal Piemonte (18%), Emilia-Romagna (14,6%), Campania (11%) e Lombardia (10,7%).

Sono state trasferite in Francia 190 t di combustibile della Centrale di Caorso e risultano in fase di trasferimento 45 t del Deposito Avogadro e della Centrale di Trino.

RADON

Il radon rappresenta, in assenza di incidenti nucleari rilevanti, la principale fonte di esposizione alla radioattività. la media della concentrazione a livello nazionale è pari a 70 Bq/m3, superiore alla media mondiale ( stimata in circa 40 Bq/m3) e alla media europea pari a (59 Bq/m3). Si conferma una forte variabilità territoriale in funzione in particolare della litologia del suolo.

Rifiuti

Nel 2010, la produzione di rifiuti urbani si attesta, in Italia, a 32,5 milioni di tonnellate (+1,15% rispetto al 2009). Il procapite dei rifiuti urbani, (536 kg per abitante) mostra un aumento rispetto al 2009 di circa 4 kg per abitante per anno. A livello di macroarea geografica, il Centro fa ancora registrare, i maggiori valori di produzione pro capite, con circa 613 kg per abitante per anno, mostrando, tuttavia, una progressiva riduzione già a partire dal 2006. Il Nord e il Sud, con 533 e 495 kg per abitante per anno mostrano valori analoghi a quelli del 2005. Le maggiori percentuali di raccolta differenziata si rilevano per il Veneto e il Trentino Alto Adige entrambi con tassi superiori al 57% (58,7% e 57,9%) e per il Piemonte e il Friuli Venezia Giulia con tassi vicini al 50% (50,7% e 49,3%). Le regioni con i tassi più bassi sono la Sicilia (9,4%), Calabria (12,4%), il Molise (12,8%) e la Basilicata (13,3%).

Certificazioni ambientali Emas-Ecolabel UE

L’Italia è ai primi posti in Europa per la diffusione delle certificazioni ambientali Emas-Ecolabel UE.

Nel 2010, cresce il numero di prodotti certificati, rispetto ai dati 2009, per alcuni gruppi come quelli relativi alla detergenza, vernici, saponi e shampoo, carta e ammendanti. Su 15 gruppi di prodotti attivi in Italia, il maggior numero con il marchio Ecolabel UE appartiene a “coperture dure” con ben 6.602 prodotti certificati Ecolabel UE.

In Italia dal 1998 al 2010 sono state rilasciate 245 licenze Ecolabel per un totale di 8.982 prodotti/servizi etichettati.

Il numero delle organizzazioni registrate Emas sono aumentate del 5,2% (da 1.080 a 1.136). Le regioni più virtuose sono: l’Emilia-Romagna, la Lombardia, la Toscana, il Trentino-Alto Adige e la Puglia.

Le abitudini delle famiglie

Rispetto al 2009, nel 2010 si ha un aumento di famiglie che dichiarano di raccogliere abitualmente le varie tipologie di rifiuti in modo differenziato, utilizzando gli appositi contenitori, a conferma della tendenza già in atto dal 2001. Tra i diversi tipi di rifiuti considerati nel 2010 le famiglie italiane differenziano di più il vetro (73,9%); seguono la carta (72,7%), la plastica (68,4%), la raccolta di rifiuti organici (65,3%), di lattine di alluminio (61,6%), di farmaci (55,4%) e di batterie usate (51,7%). L’abitudine a effettuare la raccolta differenziata dei rifiuti mostra delle differenze territoriali evidenti e specifiche per le diverse tipologie di rifiuto. Infatti, l’abitudine a differenziare la carta e il vetro raggiunge valori di diffusione superiori all’88% al Nord, intorno al 64% al Centro, intorno al 60% al Sud e solo al 48% nelle Isole. È, invece, la raccolta differenziata delle batterie usate a essere la meno praticata dalle famiglie di tutte le macro ripartizioni geografiche, essendo attuata assiduamente dal 72,2% delle famiglie del Nord-Est e soltanto dal 28,4% delle famiglie delle Isole.

La base informativa dell’edizione 2011 dell’Annuario dei dati ambientali viene presentata attraverso vari prodotti:
  • Versione integrale, presenta le schede indicatore popolate nel corso del 2011, organizzate per settori produttivi, condizioni ambientali e risposte.
  • Tematiche in primo piano, versione contenente una possibile organizzazione degli elementi informativi relativi alle questioni ambientali prioritarie, oggetto di specifici interventi di prevenzione e risanamento.
  • Annuario in cifre, brochure di tipo statistico comprendente i grafici più rappresentativi delle tematiche ambientali trattate nell’Annuario e informazioni o brevi note di approfondimento.
  • Tematiche in primo piano light, versione ridotta di “Tematiche in primo piano”.
  • Environmental data yearbook in figures, versione in lingua inglese dell'”Annuario in cifre”.
  • Key topics, versione in lingua inglese di “Tematiche in Primo Piano”.
  • Key topics light, versione in lingua inglese di “Tematiche in primo piano light”.
  • Database degli indicatori ambientali, strumento per la consultazione telematica delle schede indicatore e la realizzazione di report.
  • Multimediale, filmato in lingua italiana. L’audiovisivo presenta una sintesi significativa dei contenuti salienti dell’Annuario, rappresentando le problematiche primarie e di maggiore interesse per un pubblico generico.
  • Giornalino, versione a fumetto di una tematica ambientale dell’Annuario.
Pubblicata, sul presente sito e nel sito dell’Istituto (www.isprambiente.gov.it), la versione integrale in formato elettronico, con la possibilità di scaricare ciascun capitolo singolarmente.

La versione integrale cartacea è prodotta con cadenza triennale.

Dei 252 indicatori presenti nel database ne sono stati aggiornati 197.