Piogge monsoniche nelle Filippine, Manila è sott’acqua: 53 morti e 20.000 evacuati!

MeteoWeb

E’ di almeno 53 morti il bilancio provvisorio delle piogge monsoniche che hanno colpito le Filippine e in particolare la capitale Manila, dove si sono registrati almeno 20 vittime. Le inondazioni hanno costretto le autorità a chiudere gli uffici pubblici e le scuole e ad interrompere i trasporti. Almeno 20.000 persone sono state costrette ad abbandonare le loro case. Anche l’esercito è impegnato per garantire lo sgombero e il soccorso di persone rifugiati nei piani alti delle case o sui tetti. “Almeno il 50% dei quartieri periferici di Manila è sotto l’acqua. Nelle prossime 24 ore sono attese ancora forti piogge che renderanno ancora più diffiicile la situazione“, ha dichiarato Jean Navarez dell’agenzia meteorologica delle Filippine.

Nella provincia di Balcan sono annegate tre persone, un’altra e’ deceduta quando una frana ha travolto cinque case in un sobborgo della capitale e altri due sono rimasti uccisi a Malabon. Molte strade che conducono alla capitale sono inagibili, con l’acqua che in alcune zone e’ arrivata ad un metro e mezzo di altezza. Centinaia di di pendolari e le loro automobili sono rimasti bloccati nelle strade, mentre molti residenti che hanno trovato rifugio sui tetti hanno telefonato a radio e televisioni per ottenere aiuto. Le piogge sono una conseguenza del tifone Saola, che ha colpito il nord e il centro delle Filippine la settimana scorsa, provocando 53 morti.