Clima: un nuovo modello prevede gli inverni più freddi per l’Europa

MeteoWeb

Un modello che simula le condizioni nella parte piu’ alta dell’atmosfera permette di prevedere gli inverni piu’ freddi: e’ descritto sulla rivista Environmental Research Letters ed e’ stato messo a punto dal servizio di previsione meteo del Regno Unito, Met Office. Nello studio si confrontano anche gli ultimi modelli di previsioni meteo e il sistema del Met Office si e’ rivelato il piu’ efficace per prevedere gli inverni molto rigidi. Il segreto del modello e’ che tiene conto di un fenomeno caratterizzato da improvvisi riscaldamenti nella parte alta dell’atmosfera, la stratosfera, che ha gia’ dimostrato di essere responsabile di inverni particolarmente freddi. ”Questo fenomeno si verifica quando i venti occidentali usuali nella stratosfera, tra 10 e 50 chilometri di altitudine, si invertono, generando un segnale che arriva fino alla superficie della Terra nel corso di poche settimane”, ha detto l’autore principale dello studio, David Fereday. ”Questo fenomeno – ha proseguito – riduce la presenza dei venti di superficie che soffiano da ovest e che portano aria mite dal Nord Atlantico verso il Nord Europa in inverno”. Il sistema di previsione e’ in grado di simulare le condizioni del tempo nelle parti piu’ alte dell’atmosfera tenendo conto di venti, umidita’ e temperature su una area di 150 chilometri e che arriva al di la’ della stratosfera.