E’ già inverno in Islanda: tormente di neve e blackout in tutta la regione. Migliaia di pecore ancora sepolte

MeteoWeb
Credit: ruv.is

Secondo quanto riporta il sito ruv.is, l’Islanda in queste ore sta sperimentando delle vere e proprie tormente di neve, con blackout estesi in tutta la regione e automobilisti bloccati nelle proprie vetture. Purtroppo a causa del forte maltempo, 13.000 pecore sono state letteralmente sepolte dalla neve, mentre erano ancora all’esterno, nei pascoli. Centinaia di volontari si sono prestati per aiutare gli allevatori a ritrovare eventuali esemplari vivi, in una stremante ricerca contro il tempo. Fortunatamente la resistenza di questi animali ha permesso alla stragrande maggioranza di resistere alle intemperie, nonostante tanti altri non ce l’abbiano fatta. A rendere ancora più difficile la situazione, sono gli attacchi delle volpi verso le pecore intrappolate, spesso ferite brutalmente.

Credit: ruv.is

L’associazione degli allevatori, viste le conseguenze, parla di disastro senza precedenti. Intanto rimane lo stato di emergenza emanato Mercoledì scorso dal  Commissario Nazionale del Dipartimento della Protezione civile islandese per il distretto di Þingeyjarsýsla, nel nord dell’Islanda. Il gestore del servizio elettrico islandese parla di un danno molto elevato, dal momento che gran parte della regione è al buio. Diversi turisti sono stati salvati tempestivamente dai soccorritori nel ghiacciaio di Langjökull, dopo che avevano ignorato i segnali di chiusura della strada. Un caso riscontrato per ben cinque volte in quattro giorni. Le nevicate in Islanda nel mese di Settembre non sono così rare, ma un evento del genere, che ha portato accumuli di oltre 2 metri, è senz’altro un evento importante in relazione al periodo. Ecco uno straordinario video che testimonia il salvataggio di un esemplare sepolto dalla neve.