Flusso di vento solare interessa il campo magnetico terrestre: aurore sul Circolo Polare Artico

MeteoWeb
Aurore boreali al circolo polare artico

Un flusso di vento solare ad una velocità media (~450 km/s) sta interessando il campo magnetico terrestre, scatenando aurore boreali intermittenti intorno al Circolo polare Artico. Le luci nel cielo non sono causate da una tempesta geomagnetica, ma in questo periodo dell’anno non è necessario. Le ragioni e i dettagli per cui si verificano questi eventi sono a tutt’oggi oggetto di studio da parte dei ricercatori. Durante le notti di inizio autunno, anche una raffica molto debole di vento solare può accendere luci colorate alle alte latitudini.  Inoltre, per ragioni non del tutto comprese dai ricercatori, le settimane intorno agli equinozi sono favorevoli alle luci nel cielo: le previsioni della NOAA stimano una probabilità del 20% di brillamenti di classe M nella giornata di oggi. L’area più probabile è la regione attiva solare 1575, rivolta ormai verso il nostro pianeta. Se si verificasse un’espulsione di massa coronale, arriverebbe ad impattare sul nostro campo magnetico.