Ambiente: bisogna pescare come si faceva 300 anni fa per salvare i coralli asiatici

MeteoWeb

La tradizionale gestione della pratica della pesca cosi’ come veniva effettuata nel 17esimo secolo ha rivelato un’efficacia ancora valida nel nuovo millennio in termini di impatto ambientale sostenibile e salvaguardia delle barriere coralline in Asia. E’ il risultato di uno studio della Wildlife Conservation Society e della James Cook University che ha dimostrato come la barriera corallina di Aceh in Indonesia stia traendo beneficio dalla promozione di un sistema di gestione della pesca tradizionale e a bassa tecnologia che risale a oltre tre secoli fa. Conosciuto come “Panglima Laot”, il sistema si concentra sull’armonia sociale e la riduzione dei conflitti tra le diverse comunita’ che sfruttano le risorse marine. Secondo lo studio, le scogliere che beneficiano del “Panglima Laot” aumentano di otto volte la popolazione di pesci e conservano il corallo grazie a una serie di restrizioni relative alla pesca e agli “attrezzi” utilizzati. In particolare, il sistema vieta totalmente l’uso delle reti. Lo studio e’ stato pubblicato sulla rivista Oryx. Il metodo Panglima Laot riesce a ridurre al minimo il degrado degli habitat e mantiene intatta la biomassa, nonostante l’accesso continuo alla pesca. L’obiettivo e’ sfruttare principi utili a ridurre la sovra-gestione della pesca attraverso regole che limitino e distribuiscano equamente l’uso delle risorse e forniscano un accesso sostenibile e ragionato alle risorse marine.