Curiosity: un oggetto brillante sul suolo di Marte, forse un componente stesso del rover

MeteoWeb
Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

Un minuscolo oggetto brillante ha fermato il braccio robotico di Curiosity, il rover laboratorio della NASA che dal 6 agosto scorso sta esplorando la supericie di Marte. L’oggetto, osservato per la prima volta Domenica dai membri del team, è stato successivamente fotografato e studiato dai ricercatori per cercare di capire di cosa si trattasse. Dopo accurate indagini, si è giunti alla conclusione che, quasi sicuramente, il piccolo frammento luminoso è un componente del robot caduto nella polvere marziana. Gli esperti che lavorano alla missione hanno deciso di fermare le operazioni del braccio del rover per acquisire nuove immagini dell’oggetto, anche perché non si è a conoscenza delle possibili conseguenze future in merito alla missione e sull’attività di campionamento. “Sembra essere un filo di materiale plastico, ma non è ancora stato identificato”, hanno affermato oggi i membri del team. Occorreranno ulteriori indagini per stabilire la gravità della situazione. Il rover, costato 2,5 miliardi di dollari, è uno strumento sofisticatissimo dal quale si attendono grandi risultati e una disfatta senza raggiungere gli obiettivi prefissati potrebbe costare davvero cara in ottica di esplorazioni future. Curiosity è atterrato su Marte lo scorso mese di Agosto, e prevede di trascorrere i prossimi 2 anni sulle desertiche lande marziane. Si tratta del più grande rover robotizzato mai inviato su un altro pianeta.

Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS