Le previsioni meteo del Centro Epson: sarà un weekend invernale, da domani piogge, venti forti e neve!

MeteoWeb

Weekend d`inverno. Da domani il maltempo investe l`Italia con piogge intense, neve, venti forti e rischio mareggiate. Da domenica temperature a picco, calo anche di 15 gradi. E’ il quadro tracciato dal centro Epson. Ultime ore di clima mite e conto alla rovescia per la prima incursione dell’inverno. Siamo alla vigilia di una intensa perturbazione che porterà piogge in tutta Italia, neve su Alpi e Appennini e, soprattutto, un crollo delle temperature. Dai valori sopra le medie degli ultimi giorni si passerà a quelli quasi invernali, con uno sbalzo termico anche di 15 gradi La perturbazione che sta per investire l’Italia, la numero 6 di ottobre, arriva dall’Atlantico. In questo momento si trova tra Spagna e Francia. Oggi in Italia molte nuvole in Sicilia con residui rovesci nei settori meridionali e orientali dell’isola. Un po’ di nuvolosità anche sulla Calabria meridionale e in Campania mentre nel resto d’Italia prevarranno i cieli sereni o poco nuvolosi con i banchi di nebbia mattutini che tenderanno rapidamente a dissolversi. Temperature senza grandi variazioni, con massime ancora piuttosto miti, di qualche grado al di sopra delle medie stagionali. Ma da venerdì tutto cambia.
Da venerdì l’Italia sarà al centro di due “attacchi” importanti: il primo arriverà da Ovest, il secondo da Nord, nella giornata di domenica. La perturbazione niumero 6 del mese arriverà in Italia venerdì. Questo grande fronte perturbato porterà piogge diffuse al Centronord, Campania e Sardegna. Le precipitazioni saranno particolarmente intense tra Liguria e alta Toscana. Piogge anche sabato e saranno forti al Nord e nelle regioni tirreniche, soprattutto in Campania, e in Sardegna. Tornerà la neve sulle Alpi, anche sotto i 1000 metri in quelle orientali. Durante la giornata si assisterà ad un progressivo abbassamento della quota neve. Le temperature cominceranno a scendere al Nord e ci saranno forti venti di Libeccio e rischio di mareggiate sulle coste del medio-basso Tirreno, su Sardegna occidentale e Corsica Domenica ancora maltempo al Centrosud, con neve sull’Appennino emiliano-romagnolo a quote collinari (300/500 m) e umbro-marchigiano a quote più alte, ma in graduale abbassamento. Possibili nevicate a quote collinari anche sul basso Piemonte. Bora tempestosa sull`alto Adriatico con raffiche fino a 100 chilometri orari. Domenica inoltre arriverà una massa d’aria di origine polare che invaderà buona parte d’Europa.
Il freddo domenica sarà accentuato dalla presenza di forti venti settentrionali: soffierà la Bora su alto Adriatico con raffiche anche fino a 100 km/h, la Tramontana in Liguria con raffiche fino a 80 km/h e Maestrale in Sardegna con raffiche fino a 80 km/h. Lo sbalzo termico sarà notevole rispetto a una lunga fase di temperature sopra la norma per la stagione e in poche ore l’Italia si ritroverà con temperature massime sotto la norma e più vicine ai valori invernali. Domenica, in molte località, le temperature scenderanno anche di 15 gradi rispetto ai valori odierni. A Milano si passerà dai 19 gradi di oggi agli 8 gradi di domenica. A Torino e Bologna il crollo è ancora più evidente, se oggi il termometro segnerà 20 gradi, domenica scenderà a 5. A Bolzano la minima scende da 5 a 0 gradi. Sbalzo di 10 gradi anche a Roma, dove si passa da 24 a 14 gradi.