L’uragano Sandy, la “tempesta perfetta”: New York si prepara all’emergenza

MeteoWeb

L’uragano Sandy si dirige verso la costa orientale degli Stati Uniti, dove potrebbe dar vita – unendosi ad altri due fenomeni atmosferici – a una ‘tempesta perfetta’, paragonabile a quella del 1991 che mise in ginocchio in alcuni stati dell’Est per una settimana. Sandy – secondo le prime stime – potrebbe causare miliardi di dollari di danni, con piogge fino a 20 centimetri e colpire 50-60 milioni di americani. L’allerta e’ massima: gli stati di New York e New Jersey hanno gia’ dichiarato lo stato d’emergenza. Il governatore del New Jersey, Chris Christie, ha ordinato l’evacuazione dei casino di Atlantic City a partire da domani alle 16.00 locali, e messo in guardia su possibili black out che potrebbero causare disagi per 10 giorni. A New York, Wall Street si prepara insieme a tutta l’area di Lower Manhattan, quella piu’ vulnerabile alle inondazioni: test dei sistemi informatici sono in corso, cosi’ come si valuta in alcuni casi il trasferimento delle attivit… finanziarie in altri quartieri della metropoli, qualora ci fossero problemi ai trasporti. La metropolitana di New York resta per il momento aperta, si decidera’ domani su una sua eventuale chiusura. Ma l’incertezza per ora resta alta e ulteriori informazioni arriveranno nelle prossime ore quando si capira’ le direzione esatta di Sandy. Le autorita’ degli stati americani potenzialmente coinvolti dall’arrivo di Sandy invitano, in via precauzionale, a fare rifornimenti per almeno tre giorni con acqua e generi alimentari. E nei supermercati e’ subito ressa, con lunghe file alle casse. ”Siate previdenti: calcolate che potrete essere nel mezzo di potenziali inondazioni, come non si sono viste negli ultimi 30 anni” avverte il governatore del Connecticut, Dannel P. Malloy. Dopo essere stata brevemente ridimensionata a tempesta tropicale, Sandy e’ tornata nelle ultime ore a essere valutata come uragano con venti da 75 miglia all’ora. Venti che potrebbero farsi sentire anche in Ohio e Michigan: secondo i meteorologi ci sono il 90% di possibilita’ che Sandy colpisca la costa orientale, una percentuale decisamente maggiore al 60% di soli due giorni fa. Nella regione caraibica, l’uragano ha gia’ fatto almeno 43 vittime.