Previsioni Meteo: dall’Atlantico arrivano le grandi piogge, ma per il freddo bisogna ancora aspettare…

    /
    MeteoWeb

    Stanno cambiando le condizioni meteorologiche sull’Italia, anche se le temperature rimangono elevate in tutto il Paese, tanto che oggi Sigonella ha raggiunto i +31°C, Capri i +30°C, Enna e Cozzo Spadaro sono arrivate a +29°C, Napoli, Capo Bellavista, Decimomannu e Capo Carbonara a +28°C, Cagliari, Grazzanise, Catania, Reggio Calabria, Firenze, Guidonia e Ciampino a +27°C, Ustica, Fiumicino, Latina, Gela, Viterbo, Perugia, Lampedusa, Grosseto, Pisa, Messina, Sarzana, Marina di Ginosa, Roma e Arezzo a +26°C.
    Ieri, domenica 7 ottobre, la stazione dell’Aeronautica Militare di Ravenna Punta Marina (serie storica dal 1951), ha battuto il suo nuovo record di temperatura massima mensile per ottobre con una temperatura di +28,2°C. Il precedente record era di +28,0°C e apparteneva al 4 ottobre 2003 e al 2 ottobre 2006. Le temperature, però, rimarranno elevate anche nei prossimi giorni, almeno fino a venerdì 12, superiori alle medie del periodo in tutt’Italia, senza picchi eccezionali ma comunque tra 4 e 6°C al di sopra rispetto alla norma. Per il freddo, quindi, bisogna ancora aspettare, anche se nel weekend le temperature diminuiranno soprattutto al nord, ma senza valori molto bassi, in quanto la colonnina di mercurio si limiterà a rientrare in linea con le medie del periodo.
    La situazione meteo, però, sta comunque cambiando dopo la monotonia anticiclonica della prima settimana del mese, e a cambiare sono le condizioni atmosferiche, con continui treni di perturbazioni Atlantiche che dall’Oceano si muovono verso sud/est portando piogge e temporali sul nostro Paese. Già nelle prossime ore, tra martedì 9 e mercoledì 10 ottobre, avremo delle piogge localmente intense e comunque sparse su tutto il territorio nazionale, anche se poi sarà tra venerdì 12 e sabato 13 che il maltempo si intensificherà per un nuovo fronte Atlantico in arrivo sull’Italia. Le zone più colpite dalle piogge, a partire da venerdì 12, saranno quelle Tirreniche, tra Sardegna, Liguria, Toscana, Lazio e Campania. Poi, nel weekend, la colonnina di mercurio si abbasserà un po’ al nord mentre il maltempo si intensificherà al sud, soprattutto nel basso Tirreno, tra Calabria e Sicilia.
    Nei prossimi giorni potremo parlarne in modo molto più approfondito: continuate a seguirci ed entreremo meglio nei dettagli della situazione, per il freddo è ancora presto ma almeno la situazione statica e monotona d’inizio mese inizia a sbloccarsi!