Sentenza terremoto L’Aquila, esperti Usa: “l’Italia resta il Paese del processo a Galileo”

MeteoWeb

La condanna ai sismologi italiani per il terremoto dell’Aquila “e‘ avvenuta nel paese natale di Galileo. Certe cose non cambiano mai“. E’ la conclusione, amara, del comunicato con cui il ricercatore Michael Halpern, della ong americana Union of Concerned Scientists, ha criticato la sentenza agli scienziati della Grandi Rischi. Halpern si occupa da tempo di “interferenze della politica nella scienza“.

E’ assurdo condannare gli scienziati per il terremoto dell’Aquila. Il problema era che non esisteva un sistema efficace per comunicare il pericolo, e prendere misure, e non mi sembra che il governo italiano abbia fatto passi concreti per crearlo”. Lo dice alla Stampa Tom Jordan, direttore del Southern California Earthquake Center, sismologo che ha presieduto la Commissione Internazionale sulla Previsione dei Terremoti per la Protezione Civile, riunita all’Aquila dopo il disastro. Ai colleghi italiani, spiega, ”venne posta la domanda sbagliata. E’ chiaro che sulla base dell’attivita’ sismica dei giorni precedenti, c’era stato un aumento delle probabilita’ di un evento maggiore. Ma se mi avessero chiesto di prevedere la possibilita’ che avvenisse un terremoto piu’ forte, anche io avrei scommesso contro”. ”Stiamo parlando di incrementi delle probabilita’ intorno all’1%. In situazioni del genere, a chi tocca decidere cosa fare? Io penso che i sismologi debbano essere chiamati solo a dare risposte scientifiche, in termini di aumento percentuale delle probabilita’. Poi deve esistere un sistema automatico, in base al quale le autorita’ governative stabiliscono le misure da prendere”.