Tempeste di vento stanno sferzando le coste meridionali della Groenlandia, localmente raffiche fino a 140-150 km/h

In queste ore, un profondo ciclone extratropicale, con un minimo barico al suolo sceso fin sotto la soglia dei 965 hpa, induggia poco a sud-ovest delle coste meridionali della Groenlandia, venendo costantemente alimentato dall’aria molto fredda, d’estrazione sub-polare, che scivola sul mar del Labrador, sotto forti venti nord-occidentali. Il fittissimo “gradiente barico orizzontale” (notevoli differenze di pressione) originato dal profondo vortice depressionario, sceso fino a 965 hpa in prima mattinata, sta contribuendo ad attivare forti tempeste di vento lungo le coste meridionali groenlandesi, in particolare nell’area di Capo Farvel, ove spirano venti di tempesta da E-NE, che hanno appena raggiunto una velocità media sostenuta di ben 109 km/h. Le tempeste più violente, generalmente da Est e E-NE, stanno sferzando con grande intensità le coste più meridionali della Groenlandia, specie il margine costiero sud-occidentale, compreso fra le città di Nanortalik e Narssaq, con raffiche di vento veramente violente, che possono superare i 130-140 km/h, con picchi estremi di oltre i 150 km/h nelle aree maggiormente esposte.

Nell’area tra Nanortalik e Narssaq, i fortissimi venti orientali, una volta scavalcati i rilievi interni, si buttano con violente raffiche di caduta sui fiordi che si affacciano sul freddo mar del Labrador. Durante la rapida discesa le forti raffiche di caduta tendono ad incanalarsi fra i fiordi, originando furiosi colpi di vento, che possono oltrepassare la soglia dei 140-150 km/h, specie se in presenza di un forte “gradiente barico” fra le coste occidentali e quelle orientali groenlandesi. Attualmente una forte tempesta, con vento medio da Est stimato sui 100 km/h, sta sferzando la città di Nunarsuit, dove cade una sottile pioggia polverizzata dalle fortissime raffiche, mentre la temperatura si è impennata sopra i +9°. A Angisoq il vento medio sostenuto da E-NE ha superato gli 85 km/h, con raffiche fino a 100-110 km/h e temperatura salita sopra i +6°. I valori termici cosi elevati sulle coste meridionali groenlandesi sono da attribuire proprio all’azione dei forti venti orientali richiamati dal profondissimo centro di bassa pressione. Le tempeste dovrebbero attenuarsi sensibilmente non prima della tarda nottata successiva, allorquando la profondissima area ciclonica a S-SO di Capo Farvel andrà gradualmente ad indebolirsi, presentando un minimo barico di 970 hpa, relativamente profondo per l’area nord atlantica.