Terremoti sul Pollino e in tutt’Italia, convocata la Commissione Grandi Rischi della protezione civile

MeteoWeb

Il Dipartimento della Protezione civile ha convocato la Commissione nazionale Grandi Rischi – settore Rischio sismico per analizzare lo sciame sismico in atto nel Pollino, ”come era gia’ stato previsto di fare per affrontare il tema delle sequenze sismiche che periodicamente e ripetutamente interessano diverse aree del Paese”. Commentando poi le preoccupazioni espresse dal sindaco di Mormanno (Cosenza), il Dipartimento ribadisce quanto scritto dal capo della Protezione civile, Franco Gabrielli, al primo cittadino calabrese lo scorso 13 settembre. ”Ad oggi – scriveva il prefetto – non ci sono metodi riconosciuti dalla scienza per prevedere il tempo ed il luogo esatti in cui avverrà un terremoto e, quindi, in nessun modo, si può rassicurare o meno la cittadinanza sull’eventualità che si verifichi una forte scossa in qualsiasi momento. Anche lo studio di sequenze sismiche come quella in atto nell’area del Pollino non consente oggi di fare previsioni. Al contrario – sottolineava – conosciamo bene quali sono le zone più pericolose del Paese e tra queste vi è senza dubbio l’Appennino meridionale. In particolare i Comuni attualmente interessati dalla sequenza sono classificati in zona sismica 2: si tratta di territori in cui devono essere applicate specifiche norme per le costruzioni. E’, infatti, attraverso la corretta applicazione delle norme, sia nella realizzazione delle nuove costruzioni sia negli interventi di rafforzamento di quelle esistenti meno resistenti al sisma, che si fa realmente prevenzione e si possono ridurre con efficacia gli effetti di un terremoto”.

Gabrielli ha proseguito ricordando al sindaco che ”il protagonista principale deve essere Lei. In qualità di autorità di protezione civile deve trovare tempi e modi per informare con costanza e puntualità la Sua comunità in merito a ciò che avviene e a ciò che potrebbe avvenire, a quanto Š previsto dal piano comunale di emergenza, alle misure di prevenzione da adottare, ai comportamenti da tenere in caso di emergenza”. ”Per tale finalità – secondo il capo del Dipartimento – l’organizzazione di esercitazioni a scala comunale si è rivelata sempre strumento efficace per coinvolgere realmente i cittadini. Parimenti è Suo compito far s che il sistema di risposta all’emergenza del Suo comune sia sempre pronto ad intervenire con tempestività e, in tal senso, è utile investire sul volontariato, raccordarsi con le strutture operative territoriali e mantenere stretti e continui rapporti con le istituzioni provinciali e regionali. Infine una particolare attenzione dovrà essere dedicata al monitoraggio degli effetti della sequenza sull’edilizia del Suo comune, per valutare laddove necessario, in relazione ai fabbricati più vulnerabili, l’adozione di misure cautelative. Comprendo quindi il Suo stato d’animo – concludeva Gabriellima La invito davvero a farsi promotore di tutte le iniziative necessarie e possibili per rendere più sicuro il territorio di Mormanno e più consapevole e preparata la Sua popolazione”.