Uragano Sandy: tutte le foto della super-tempesta che ha ucciso almeno 55 persone negli Usa

    /
    MeteoWeb

    La costa nord-orientale degli Stati Uniti riprende faticosamente a vivere dopo il passaggio dell’uragano Sandy, ma e’ chiaro che occorreranno giorni prima che possa tornare alla normalita’. Due giorni dopo la violenta tempesta, a New York il traffico ricomincia, gli autobus hanno ripreso il servizio, ma la metro rimane ancora chiusa; oggi riaprono i battenti gli aeroporti internazionali, John F.Kennedy e Newark; e anche i mercati finanziari, dopo una chiusura di due giorni, ricominciano le contrattazioni. Sul ponte di Brooklyn, che era stato chiuso a causa dei forti venti, il traffico e’ ripreso e si cominciano a vedere i primi jogger. E gli organizzatori della Maratona di New York hanno chiarito che continuano i preparativi per la tradizionale corsa, prevista per domenica, anche se potrebbero fare qualche aggiustamento. Intanto la tempesta – che ha seminato almeno 55 vittime (22 dei quali solo nella Grande Mela) nel suo passaggio sulla Costa Atlantica – ha perso forza proseguendo il suo cammino verso la Pennsylvania e poi il Canada. Molti rimangono ancora senza luce elettrica e Lower Manhattan, di solito uno spettacolo di luci, e’ rimasta al buio per la seconda notte consecutiva. Obama ha detto chiaramente che ripristinare l’energia elettrica e’ la priorita’; e oggi arrivera’ nel New Jersey (ma non visitera’ New York).

    ADESSO E’ CACCIA AGLI SCIACALLI – Appena il vento piu’ impetuoso di Sandy ha rallentato un po’, in diversi luoghi attorno a New York sono comparsi gli sciacalli. A volte anche travestiti da addetti della compagnia dell’energia elettrica o soccorritori. La polizia ne ha arrestati almeno una quindicina a Coney Island e Rockaways, nelle zone che erano state evacuate prima dell’arrivo dell’uragano. Alcuni abitanti di quelle zone hanno riferito di essere stati avvisati dalla polizia di fare attenzione a truffatori travestiti da addetti dei servizi pubblici. ”Non tollereremo la feccia dei saccheggiatori. Li arresteremo a vista”, ha ammonito una fonte di polizia citata dal New York Post. Episodi di questo genere si erano gia’ verificati dopo l’uragano Irene l’anno scorso nella regione di New York. E via Twitter nei giorni scorsi molti avevano ammonito che il fenomeno poteva ripetersi, e altri avevano affermato di essere pronti. Un investigatore della polizia di New York aveva assicurato che ”unita’ della guardia nazionale saranno al lavoro per controllare che non ci siano saccheggi”. Un’ Associazione di possessori di armi (GoA) ha a sua volta twittato che ”bande di saccheggiatori stanno pianificando di approfittare di Sandy. Coloro in Pennsylvania e Virginia che possono, tengano la polvere (da sparo) all’asciutto. Per la gente di New York City e New Jersey… buona fortuna”. E ancora, via Tweeter e’ circolata una foto di un pannello di legno inchiodato a protezione di una finestra con scritto: ”per favore, saccheggiate! Mi piace sparare”.