Vulcani: identificato il meccanismo delle eruzioni esplosive

MeteoWeb

Identificato un meccanismo nella camera magmatica che potrebbe essere comune a molte eruzioni vulcaniche esplosive. Gli scienziati della University of Southampton hanno analizzato i cosiddetti ‘noduli di cristallo cumulati’, ossia le rocce ignee formate dall’accumulo di cristalli nel magma, che sono stati scoperti in depositi piroclastici di importanti eruzioni. I ricercatori hanno trovato un sorta di mix pre-eruttivo di condizioni che sembrano verificarsi frequentemente all’interno della camera magmatica. Dall’esame di questi noduli, che intrappolano e conservano il magma finale che si trova sotto il vulcano immediatamente prima dell’eruzione, gli studiosi hanno scoperto che prima di un importante evento vulcanico molto spesso avviene un tumultuoso mescolarsi fra magma piu’ freddo e magma piu’ caldo e ‘giovane’. “La presenza di noduli molli all’interno dei depositi piroclastici suggerisce che la camera magmatica si svuota durante l’eruzione e poi collassa su stessa formando la caldera”, ha spiegato Tom Gernon, tra gli autori dello studio.