Allerta Meteo al nord, “stato di allarme e attenzione” per il Veneto

MeteoWeb
Credit: ESA

Sulla scorta delle previsioni meteorologiche attese, il Centro Funzionale Decentrato della Protezione Civile del Veneto ha dichiarato, per Rischio Idrogeologico, lo stato di allarme per Alto Piave, Alto Brenta-Bacchiglione, Basso Brenta-Bacchiglione, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna. Inoltre, è stato segnalato lo stato di pre-allarme per Adige-Garda e Monti Lessini, Livenza, Lemene e Tagliamento; stato di attenzione per Po, Fissero-Tartaro-Canalbianco e Basso Adige, nonché per Rischio Idraulico lo stato di allarme su Vene-E PD-VI- Basso Brenta-Bacchiglione; stato di pre-allarme su Alto Piave, Alto Brenta-Bacchiglione, Basso Piave, Sile e Bacino scolante in laguna; lo stato di attenzione su Adige-Garda e Monti Lessini, Livenza, Lemene e Tagliamento. La dichiarazione ha validità temporale dalle ore 0 di mercoledì 28 novembre alle ore 14 di giovedì 29 novembre 2012. Sono previste precipitazioni estese e persistenti anche molto abbondanti su zone montane e pedemontane, forti venti meridionali in quota e rinforzi di Scirocco sulla costa e pianura limitrofa. Le precipitazioni risulteranno particolarmente persistenti e abbondanti lungo la fascia prealpina e in alcune zone delle Dolomiti meridionali e della pedemontana. Giovedì sensibile miglioramento nel corso della giornata con precipitazioni in attenuazione e diradamento. Le amministrazioni locali dovranno porre in atto le procedure di allertamento dovute a conclamate criticità o particolari sofferenze idrogeologiche e idrauliche presenti nel territorio di competenza. E’ richiesta la piena operatività delle componenti del Sistema di Protezione Civile che si attiveranno secondo quanto previsto dai rispettivi Piani di Emergenza.