Il Wwf dà le pagelle al governo Monti, e lo boccia in tutela ambientale

MeteoWeb
Logo storico del WWF

Il Wwf dà la pagella al Governo Monti e il suo primo anno di governo, che ricorre domani, non esce con una `buona pagella` secondo le valutazioni dell’associazione ambientalista: bocciato in ‘Tutela ambientale’, in ‘Clima ed energia’ alti e bassi, bocciato in ‘Inquinamento industriale’, : per le ‘Aree protette’ luci e ombre, in ‘Biodiversità’ risultato mediocre, in ‘Agricoltura’ rasenta la sufficienza, in ‘Paesaggio e territorio’ rimandato, in ‘Consumo del suolo’, finalmente, promosso. Riduzioni dei fondi per le politiche ambientali, sottovalutazione di rischio idrogeologico e tutela dell`ambiente restano per il Wwf il tallone d`Achille del governo Monti. E per l’associazione i voti scarsi sono confermati proprio da alcune questioni cruciali in discussione in queste ore. Come la riunione a Palazzo Chigi per una la legge ad hoc su un piano di adattamento ai cambiamenti climatici, “annunciata dopo l`ennesima `emergenza maltempo` e i tragici eventi provocati dalle alluvioni di questi giorni”, il dibattito sull`Autorizzazione integrata ambientale (AIA) dell`Ilva, “una `ferita nel territorio` aperta da anni su cui si è iniziato a pensare di mettere la `parola fine` solo a seguito di un nuovo intervento della magistratura”. In generale per il Wwf in questo anno “il governo Monti è sembrato titubante e ancora oggi non ha preso decisioni determinanti per la tutela della salute pubblica e dell`ambiente”.