Alpinisti dispersi sulla Dome des Ecrins: “nessuna speranza di trovali vivi”

MeteoWeb

Sono proseguite per tutta la giornata di oggi le ricerche dei tre alpinisti italiani -Francesco Cantù, Luca Gaggianese e Damiano Barabino – dispersi da lunedì sul massiccio des Ecrins, sulle Alpi francesi. Ma inutilmente. Il comandante del Pghm di Briancon (la squadra della gendarmeria di alta montagna), Stéphane Bozon, ha incontrato questa sera i familiari degli alpinisti dispersi: “Ho detto loro che le possibilità di sopravvivenza sono pressoché nulle”. Oltretutto Meteo France annuncia per domani raffiche di vento a oltre 100 km/h, condizioni che impediscono agli elicotteri di alzarsi in volo. “In queste condizioni non è possibile avventurarsi nella zona, né in volo, né via terra, perché il rischio di valanghe è troppo elevato”, spiega Bozon, citato dal sito del Dauphine Liberé. Oggi alcuni alpinisti del soccorso sono riusciti ad effettuare anche delle perlustrazioni da terra, ma non hanno individuato alcuna traccia dei tre dispersi: “Abbiamo perlustrato crepacci, seracchi, canali di neve, ma non abbiamo visto alcun indizio di passaggio o di bivacco. E’ caduta talmente tanta neve in questi ultimi giorni che non abbiamo potuto scoprire nulla”, hanno spiegato i soccorritori, al sesto giorno di ricerche.