Alto rischio valanghe in Alto Adige

MeteoWeb

In Alto Adige il pericolo valanghe e’ Marcato grado 3 lungo la cresta di confine, in Alta Pusteria, nella zona dell’Alta Venosta occidentale e nel gruppo dell’Ortles Cevedale. I punti maggiormente pericolosi sono gli accumuli eolici e i passaggi da poca a molta neve sui pendii ripidi di tutte le esposizioni al di sopra di 2000 m. Per escursioni e’ necessaria una buona capacita’ di valutazione locale del pericolo. I punti maggiormente pericolosi sono gli accumuli eolici in conche, canali, zone sotto cresta e presso bruschi cambi di pendenza al di sopra di 2000 m sui pendii ripidi di tutte le esposizioni. Nelle situazioni piu’ sfavorevoli un distacco e’ possibile gia’ con debole sovraccarico. Da ieri a oggi nel nord della provincia sono caduti 5-15 cm di neve fresca, a sud le precipitazioni sono state insignificanti. Il vento ha spirato da forte a molto forte da Nw. Oltre il limite del bosco il vento ha formato diffusi accumuli eolici debolmente legati agli strati sottostanti. La superficie del manto nevoso si presenta in modo molto vario alternando croste e lastroni da vento piu’ o meno compatti a tratti polverosi. Nella notte e martedi’ nevichera’ lungo la cresta di confine, a 2000 m cadranno ulteriori 5-15 cm di neve. Piu’ a Sud le precipitazioni saranno generalmente assenti. Vento forte da N e freddo intenso con -11° C a 2000 m. Mercoledi’ soleggiato ovunque con venti settentrionali di moderata intensita’. Con le condizioni meteo previste il pericolo valanghe non subira’ sostanziali variazioni durante i prossimi giorni. Soprattutto gli accumuli eolici piu’ recenti saranno molto delicati. Il distacco sara’ possibile gia’ con debole sovraccarico.