Emergenza neve e freddo in Bulgaria, morti e disagi gravissimi in tutto il Paese: chiuse oltre 500 scuole!

MeteoWeb

Le abbondanti nevicate che imperversano da ieri, con temperature inferiori ai 10 gradi sotto lo zero, hanno praticamente paralizzato il nordest della Bulgaria. Due uomini sono morti nel nord-est secondo la polizia stradale. Le violente raffiche di vento che soffia da nord a oltre 120 chilometri all’ora creano enormi cumuli di neve alti fino a due metri. L’intera rete stradale non e’ praticabile, sono sospesi i voli all’aeroporto di Varna, chiuso anche il porto di Varna sul Mar Nero. Centinaia di comuni bloccati dalla neve e rimasti senza luce ed acqua, prevalentemente nelle regioni di Shumen, Dobric e Varna, hanno dichiarato lo stato di emergenza. Da ieri sono rimaste chiuse oltre cinquecento scuole. Sono scesi in campo i mezzi corazzati dell’esercito per soccorrere gli automezzi rimasti bloccati per strada e per portare pane ed altri generi di prima necessita’ nei paesi piu’ colpiti e tagliati fuori dal resto del mondo. Sempre con l’aiuto dell’esercito, sono state trasportate negli ospedali centinaia di persone malate e donne in stato avanzato di gravidanza. A sud della catena dei monti Balcani invece la situazione e’ tranquilla, a Sofia la temperatura oscilla intorno allo zero, le scarse precipitazioni si sono ormai fermate e si osservano delle schiarite.