Forte terremoto in Giappone, la testimonianza di una giovane italiana: a Tokyo scossa più forte di quella dell’11 marzo 2011

MeteoWeb

“Per un colpo di fortuna mi trovavo al piano terra, di solito sono al quattordicesimo. Ero seduta nella hall di un grande hotel. Sono stata la prima a guardarsi intorno quando tutto ha iniziato a ondeggiare e scricchiolare”. E’ il racconto del terremoto in Giappone di Bianca Paradisi, 27 anni, emiliana d’origine, trasferita assieme al fidanzato da qualche mese a Tokyo. “Tutti dicono che è stata una scossa ancora più forte dell’11 marzo 2011 col terremoto e maremoto che ha portato al disastro di Fukushima”. “Nessuno reagiva e intanto il terremoto, lunghissimo, aumentava d’intensità – ha spiegato Bianca Paradisi -. La cameriera e un ragazzo giapponese dietro di me mi hanno fatto cenno di sì, ‘è il terremoto’ e mi hanno sorriso. La gente, a parte me e un paio di occidentali, non ha reagito per nulla. Un minuto dopo la fine della scossa è stato dato un annuncio in giapponese e sentivo suonare sirene in lontananza. Una hostess della reception è venuta a dirmi di non preoccuparmi e di rimanere dove ero”. La giovane di Modena, si è messa subito in contatto internet con amici e conoscenti, anche se per 5 minuti non funzionavano cellulari e internet. “Il mio ragazzo al lavoro è al settimo piano – ha aggiunto -. Con i colleghi si sono infilati tutti i caschetti e sono andati sotto le scrivanie. Per ora non ho altre informazioni, anche se i suoi colleghi dicono che è il più forte da dopo Fukushima, erano spaventati perché è stato molto lungo e dicono intenso come nel 2011 all’inizio”. “Ora ha situazione è tranquilla e in città a Tokyo non ci sono danni – ha concluso Bianca -. Ci è stato impedito di fare le scale e qualcuno sta uscendo prima dal lavoro. Io sto seguendo l’evoluzione su twitter”.