L’aeronautica militare conferma la neve delle prossime ore al centro/sud e il gelo a tempo indeterminato: il bollettino completo

MeteoWeb

Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: residua instabilita’ ma in fase di attenuazione interessa parte delle regioni dell’alto Adriatico mentre un sistema frontale e’ in transito sulle regioni centro-meridionali e sara’ seguito da correnti settentrionali che favoriranno un ulteriore abbassamento delle temperature. Tempo previsto fino alle 7 di domani. Nord: poche nubi su Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria, Lombardia centro-occidentale e settore ovest dell’Emilia Romagna; residua nuvolosita’ sul resto del nord con residue precipitazioni nevose anche in pianura sul settore est e sud del Friuli, sulle coste venete e sull’Emilia Romagna centro-orientale; generale miglioramento nel pomeriggio con schiarite sempre piu’ ampie su est Lombardia e Trentino e con fenomeni in attenuazione su Veneto e Friuli mentre le nevicate saranno ancora possibili fino alla tarda sera/prima nottata sulla Romagna. Centro e Sardegna: nuvolosita’ variabile sulla Sardegna con precipitazioni sparse anche a carattere di rovescio temporalesco, in miglioramento dalla sera ma con residui fenomeni possibili sul settore orientale, quota neve intorno 700 metri; molte nubi su Marche, Umbria ed Abruzzo con nevicate fino intorno ai 200 metri, con tendenza a miglioramento nella notte su Marche ed Umbria ad iniziare da nord; nuvolosita’ variabile su Toscana e Lazio con addensamenti maggiori associati ad isolate precipitazioni su aree interne ed appenniniche della Toscana centro-meridionale, sull’Appennino laziale e sul Lazio meridionale con fenomeni che potranno risultare nevosi a quote intorno 400 metri ed occasionalmente a quote piu’ basse; generale miglioramento nella notte.
Sud e Sicilia: molte nubi su tutte le regioni con precipitazioni sparse, anche temporalesche e di forte intensita’ su Campania, settori tirrenici di Basilicata e Calabria e, dalla sera e nella notte, sulla Sicilia settentrionale; quota neve in calo fino intorno ai 200 metri su Molise e Puglia centro-settentrionale, fino intorno ai 400 metri sulla Campania. Temperature: massime in diminuzione su Sardegna, Emilia Romagna e regioni centrali, in aumento sulle regioni joniche, senza variazioni di rilievo sul resto del paese; minime in deciso calo su tutto il centro-sud ed in misura minore sulle regioni nord-orientali, stazionarie sul resto del nord. Venti: forti settentrionali su Sardegna, Emilia Romagna, Marche, Umbria, Abruzzo, sud Toscana, Lazio e Molise; forti dai quadranti occidentali ed in rotazione da quelli settentrionali su Sicilia e Calabria; da deboli a moderati settentrionali sul resto del nord e su centro-nord Toscana, con i rinforzi maggiori sulle coste di Veneto e Friuli e su Liguria e Toscana; moderati occidentali con locali rinforzi su Campania, Puglia e Basilicata, in rotazione dai quadranti settentrionali ed in intensificazione ad iniziare dalla Puglia. Mari: grosso il mare di Sardegna con moto ondoso in diminuzione, molto agitato tendente a grosso il canale di Sardegna; molto mosso il mar Ligure con moto ondoso in diminuzione sottocosta; da molto mosso ad agitato il basso Adriatico; agitati i restanti mari: moto ondoso in rapido aumento fino a molto agitato sul medio-alto Adriatico, in maniera piu’ graduale ma fino a grosso su Tirreno centro-meridionale e stretto di Sicilia.

Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, domenica 9 dicembre. Nord: condizioni iniziali di cielo sereno con gelate diffuse in pianura padana; da meta’ mattina, nuovo aumento delle nubi sui versanti nord dell’arco alpino centro-orientale, ma con neve in arrivo solo nel pomeriggio; occasionali velature potranno inoltre interessare le alpi marittime, la Liguria di ponente e il basso Piemonte nel tardo pomeriggio, estendendosi nella serata al resto della Liguria e all’Emilia Romagna. Centro e Sardegna: nuvolosita’ irregolare sulla Sardegna, ma senza precipitazioni e con tendenza a schiarite; sereno su Toscana, Umbria e Lazio centro-settentrionale con gelate diffuse nell’immediato entroterra; nubi irregolari sulle Marche settentrionali, con tendenza a schiarite; cielo nuvoloso sulle Marche meridionali, sull’Abruzzo e sul Lazio meridionale, con deboli precipitazioni che risulteranno nevose a bassa quota sul versante adriatico e a quote collinari sull’entroterra laziale; tendenza a netto miglioramento nel pomeriggio. Sud e Sicilia: nubi abbondanti su tutto il meridione, con precipitazioni sparse che assumeranno carattere nevoso su Molise, entroterra campano, Puglia settentrionale, Basilicata e entroterra calabrese a quote collinari, assumendo invece forma di rovescio o temporale su Salento, Calabria jonica e Sicilia settentrionale; fenomeni che tenderanno ad esaurirsi sul meridione peninsulare gia’ per meta’ giornata, mentre persisteranno fino al tardo pomeriggio sulla Sicilia, dove la quota neve si attestera’ intorno agli 800-1000 metri.
Temperature: minime in diminuzione sul nord-est, sulle regioni centro-meridionali e sulle due isole maggiori e stazionarie sulle regioni di nord-ovest; massime senza variazioni di rilievo al nord e sulla Sardegna e in netta diminuzione al centro-sud. Venti: deboli dai quadranti occidentali al nord, ma con rinforzi nelle vallate alpine, lungo il bacino del Po e sulle coste romagnole; inizialmente moderati o forti da nord sulla Sardegna, ma con tendenza ad attenuazione e rotazione da ovest nel pomeriggio, con successiva nuova intensificazione nella tarda sera; moderati da nord su Toscana, Umbria e Marche settentrionali; forti o molto forti dai quadranti settentrionali sul resto del centro e sul meridione, con attenuazione serale sulle regioni centrali. Mari: poco mossi o mossi l’alto Adriatico e il mar Ligure; mosso o molto mosso l’alto Tirreno, con moto ondoso in rapida attenuazione sottocosta; molto mossi o agitati il mar di Sardegna e il Tirreno centrale, con moto ondoso in attenuazione; molto agitati il canale di Sardegna, il basso Tirreno settore est, lo Jonio e il medio e basso Adriatico, con mareggiate lungo le coste di Abruzzo, Molise, Puglia, Sicilia settentrionale e Calabria meridionale; grossi il Tirreno meridionale settore ovest e lo stretto di Sicilia, con mareggiate sulle coste della Sicilia occidentale.

Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorni. Lunedi’ 10 dicembre Nord: nubi compatte sui versanti nord dell’arco alpino, con nevicate diffuse; poche nubi sul resto del nord, ma con tendenza ad annuvolamenti sulla pianura padana centro-occidentale e con qualche pioggia sull’Emilia Romagna verso sera; un po’ di nubi e deboli isolate piogge potranno inoltre interessare il levante ligure nella prima parte della giornata. Centro e Sardegna: cielo a tratti velato sia sulla Sardegna che sul centro peninsulare ma con tendenza a schiarite seguite pero’ sull’isola da nuove velature in serata; dal pomeriggio nuovi annuvolamenti a partire dalle Marche e in successiva estensione al resto del centro, con deboli piogge sparse e deboli nevicate in Appennino oltre gli 800-1000 metri, specie sulle regioni adriatiche; isolati rovesci piu’ consistenti potranno inoltre interessare in serata le coste di Marche e Abruzzo.
Sud e Sicilia
: alle nubi scarse o assenti delle prime ore del giorno si sostituiranno nuovi annuvolamenti via via piu’ compatti da meta’ giornata, con piogge sparse nel pomeriggio e nella serata; le precipitazioni assumeranno maggiore consistenza sul basso versante tirrenico e sulle coste di Molise e Puglia; neve solo sulle cime piu’ alte dell’Appennino meridionale. Temperature: minime in aumento al nord, al centro e sulla Sardegna, ma ancora con gelate sulla pianura padana e senza variazioni di rilievo al sud; massime in aumento su tutte le regioni. Venti: moderati o forti da nord nord-ovest sulla Puglia e sui versanti jonici di Calabria e Basilicata ma in attenuazione; moderati dai quadranti occidentali sul resto del paese, con tendenza a rinforzare dapprima sulla Sardegna e, successivamente, nel pomeriggio e nella serata, su Sicilia, basso Lazio, Campania, Basilicata tirrenica, Calabria e coste di Emilia Romagna e Marche; su Liguria, Toscana ed alto Lazio i venti invece tenderanno a rinforzare ruotando dai quadranti settentrionali; isolati rinforzi potranno inoltre interessare le vallate alpine nel corso del pomeriggio. Mari: poco mosso o mosso l’Adriatico, con moto ondoso piu’ accentuato sebbene in attenuazione, sul canale d’Otranto; mossi o molto mossi tutti gli altri mari, con moto ondoso in nuovo aumento su mare e canale di Sardegna e alto e medio Tirreno. Martedi’ 11 dicembre Tempo stabile al nord e piu’ incerto al centro-sud e sulle isole, con piu’ nubi sulle regioni adriatiche e sulle regioni del basso versante tirrenico, dove arriveranno anche delle piogge; temperature in nuova diminuzione, venti ovunque settentrionali piu’ intensi al sud e sulle isole e mari con moto ondoso accentuato. Mercoledi’ 12 dicembre Ancora stabile al nord e ancora incerto al centro-sud, con precipitazioni sulle regioni adriatiche, sulla Sicilia e sul meridione tirrenico; temperature stazionarie, venti settentrionali ancora sostenuti sul meridione e mari con moto ondoso piu’ accentuato sui bacini centro-meridionali. Giovedi’ 13 e venerdi’ 14 dicembre Tornano ad aumentare le nubi al nord e sulle regioni centrali mentre migliora sul meridione per giovedi’, con deboli piogge solo sulla Liguria e neve sull’Appennino ligure; per venerdi’ tempo incerto su gran parte del paese, torna il rischio di deboli nevicate a bassa quota in pianura padana e tornano le piogge sulle regioni tirreniche.