L’asteroide Toutatis in diretta dal Virtual Telescope: sessione osservativa a cura dell’astrofisico Gianluca Masi

MeteoWeb
Credit: ESA - P.Carril

L’asteroide 4179 Toutatis, il cui nome deriva dalla divinità della guerra, della fertilità e della ricchezza della mitologia celtica, è transitato alla minima distanza dalla Terra. Come da previsione non ha causato alcun impatto, ma il suo transito ravvicinato in termini di distanze astronomiche ci ha dato l’obbligo di seguirlo con estrema attenzione. La roccia spaziale, di quasi 5 chilometri di lunghezza, è stata scoperta nel 1989, quando sembrò una possibile minaccia di estinzione per la vita sulla Terra. Gli astronomi, dopo accurati calcoli, si accorsero che questa rappresentava soltanto una remota possibilità, in quanto la forza gravitazionale della Terra e di Giove ne avrebbe allargato l’orbita nei successivi seicento anni.

L'asteroide 4179 Toutatis

Toutatis è uno dei più grandi asteroidi conosciuti potenzialmente pericolosi (termine che non indica una pericolosità imminente), in quanto non ci sono altre rocce spaziali di queste dimensioni che si muovono attorno ad un’orbita quasi complanare con la nostra. Questo lo rende un obiettivo importante per gli studi radar, che lo seguiranno sino al 22 Dicembre. Gli echi evidenzieranno la topografia e la sua orbita precisa, al fine di prevederne la sua traiettoria futura. Uno degli obiettivi delle osservazioni è quello di apprendere di più sullo stato di rotazione particolare dell’asteroide e come essa cambia in risposta alle forze mareali del Sole e della Terra. Questa sera, grazie alla collaborazione con l’astrofisico Gianluca Masi, curatore scientifico del Planetario di Roma e responsabile del progetto Virtual Telescope, sarà possibile seguire in diretta una sessione gratuita di osservazioni, in lingua italiana e inglese. Appuntamento a partire dalle ore 21:00.