Le previsioni meteo del Centro Epson: instabilità e temperature in calo al centro/sud, nebbie e gelate al nord

MeteoWeb

La settimana inizia con tempo instabile al Centrosud, a causa della perturbazione numero 7 di dicembre, cui si accompagnerà, sempre al Centrosud, un graduale calo delle temperature: già da domani, infatti, le correnti più miti atlantiche saranno sostituite da correnti più fredde settentrionali. Al Nord – in base alle previsioni di Eposn meteo – si avranno giornate caratterizzate dalla presenza di nebbie e da qualche gelata con temperature di notte e al mattino diffusamente sottozero. Poi, tra giovedì sera e venerdì, una nuova perturbazione, la numero 8 di dicembre, riporterà le piogge e qualche nevicata fino a bassa quota al Nord, sebbene probabilmente non fino in pianura. Oggi visibilità ridotta sulle pianure del Nord per la presenza di nebbie e foschie che in molte zone tra Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia occidentale potrebbero persistere anche durante le ore pomeridiane. Qualche nebbia anche al Centro.
Al Centrosud cielo in generale nuvoloso o molto nuvoloso con deboli piogge in Toscana, Umbria, Marche, Lazio, Campania e Calabria tirrenica. In serata le piogge si spostano sulle regioni adriatiche e insistono sul basso Tirreno tra Campania meridionale, Calabria e nordest della Sicilia. Temperature in generale, seppur lieve, diminuzione anche al Centrosud. Ventoso nel Mar Tirreno e intorno alle due Isole maggiori. Le nebbie nella giornata di oggi interesseranno gran parte delle pianure del Nord. In particolare, in Piemonte, Lombardia, Veneto ed Emilia occidentale queste nebbie potranno persistere anche nelle ore centrali del giorno. Si segnala la possibile formazione di nebbia anche in alcune zone del Centro. Attenzione, perché la visibilità potrà essere dunque notevolmente ridotta. Ecco alcuni esempi: a Brescia, Rimini e Bologna la visibilità non sarà superiore a 400-500 metri; 200-300 metri a Piacenza, Parma, Bergamo e Viterbo, addirittura 100 metri a Pescara.
Anche nella notte appena trascorsa si sono registrate temperature piouttosto basse sulle regioni settentrionali. Ghiaccio potrà formarsi anche sulle strade. In particolare, ecco i valori registrati nelle primissime ore di oggi: – 4 gradi a Cuneo e Trento, – 3 gradi a Torino, – 1 grado a Bolzano, Bergamo, Novara e Piacenza. Così come accaduto nella notte tra domenica e lunedì, anche nella prossima notte si potranno avere gelate diffuse al Nord. Si tratta comunque di temperature minime per lo più nella media del periodo. Ecco i valori previsti per le primissime ore di domani, martedì 18 dicembre: – 3 gradi a Novara e Trento, – 2 gradi a Cuneo, Brescia e Piacenza, – 1 grado a Milano e Bologna. Si consiglia di prestare la massima attenzione laddove vengano praticate attività di alpinismo o sci fuori pista sulle zone alpine. È scattato infatti l`allarme-valanghe. La causa va ricercata soprattutto nei recenti apporti nevosi e, localmente, anche negli accumuli provocati dai venti.
In particolare, per oggi si prevede un rischio compreso tra 2 (tipo “moderato”) e 3 (tipo “marcato”) su quasi tutto l`arco alpino (fonte: www.aineva.it). Già a partire dalle prossime ore assisteremo a un graduale calo delle temperature al Centrosud, dove nel fine settimana il clima aveva un sapore quasi primaverile. Tutto ciò a causa dell`arrivo di fredde correnti settentrionali, che andranno a sostituire le più miti correnti atlantiche di questi ultimi giorni. Vediamo quale sarà la differenza tra le temperature massime registrate ieri, domenica 16 dicembre, e quelle previste per mercoledì prossimo, 19 dicembre, in alcune città del Centrosud: Firenze: da 16 gradi a 12 gradi; Pescara: da 15 gradi a 11 gradi; Roma: da 16 gradi a 12 gradi; Napoli: da 19 gradi a 13 gradi; Crotone: da 17 gradi a 14 gradi; Catania: da 19 gradi a 17 gradi.