Maltempo: l’acqua alta torna anche a Ischia e Lipari, i dati

MeteoWeb

Il transito della perturbazione che negli ultimi giorni ha colpito l’Italia ha provocato nuovamente il fenomeno dell’Acqua Alta nel Porto di Ischia, a Lipari e Venezia tra il 28 novembre e l’1 dicembre 2012
Il transito della perturbazione Medusa ha causato un sensibile abbassamento della pressione atmosferica da 1022 a 994 (hPa) in corrispondenza del massimo effetto dell’attrazione lunare sulle maree.
Di conseguenza, come verificatosi anche in corrispondenza del transito della perturbazione Cleopatra tra il 26 e 28 ottobre 2012, si è registrato un significativo sollevamento massimo del livello marino in corrispondenza delle alte maree di oltre 30 cm sullo zero idrometrico del mareografo di Napoli.
La banchina della Riva Destra del Porto di Ischia, come già evidenziato dagli scriventi dall’inizio del 2010, si trova circa 20 cm al di sopra dello zero idrometrico ed è palesemente in condizioni di non sicurezza rispetto alle normali oscillazioni del livello marino.
Come accaduto varie volte in precedenza tra il 26 e 28 ottobre 2012 il sollevamento marino ha determinato l’inondazione della banchina in Riva destra e della Via Iasolino creando problemi allo svolgimento delle attività.
Di solito i fenomeni di acqua alta si intensificano tra l’autunno e l’inverno come accaduto tra il 2009 e 2010.
In questa parte terminale del 2012 si stanno ripetendo i fenomeni di acqua alta in corrispondenza del transito delle varie perturbazioni.
Siamo alle porte delle festività natalizie e come sempre aumenteranno i turisti nell’Isola d’Ischia.
Eventuali altre perturbazioni potrebbero determinare le condizioni di acqua alta con conseguenti ripercussioni sulle attività economiche così come verificatosi a cavallo tra il 2009 ed il 2010.
Ricordiamo che con l’acqua alta, di notte, per i turisti è difficile individuare il margine sommerso della banchina in Riva Destra.
I responsabili della sicurezza dei cittadini prendano in considerazione tale problema per evitare incidenti!
Si ripropone la necessità di risolvere definitivamente il problema come già evidenziato 2 anni fa!
Anche a Lipari, nella zona di Via M. Amendola l’acqua marina ha invaso la strada penetrando attraverso le caditoie che normalmente fanne defluire verso mare l’acqua piovana.
Acqua alta anche a Venezia, meno accentuata di quella che si verificò durante la precedente perturbazione.

Ringrazio per la collaborazione Valerio Buonomo, c/o IAMC-CNR