Maltempo, l’Aspromonte si conferma “calamita delle nuvole”: abbondanti nevicate, disagi sull’A3

MeteoWeb

Norman Douglas, raffinato narratore inglese, scrisse nel 1915 il libro “Old Calabria”, in cui invitava i suoi lettori a visitare la Calabria dopo un suo viaggio nella Regione più meridionale dell’Italia peninsulare, avvenuto tra il 1907 e il 1911. Douglas parlava così dell’Aspromonte: “E’ un’agglomerazione incredibilmente aspra di colli e valloni (…). Lasciatosi alle spalle il nucleo più alto del gruppo montagnoso, il viandante si trova sperduto in un dedalo di gole intricate, serpeggianti qua e là senza che si distingua un ben definito sistema di spartiacque. (…) Il sentiero si snoda entro e fuori valli e burroni, si arrampica sulle alture punteggiate di felci e cristi riarsi dal sole, ridiscende in radure rugiadose orlate di precipizi e sormontate da felceti scoscesi, attraversa torrenti di una limpidezza cristallina, serpeggia di nuovo sotto i pini inerpicandosi in zig-zag interminabili solo per svanire ancora una volta nella penombra di abissi più profondi, fiancheggia un ruscello dai bordi precari, finché qualche nuovo ostacolo blocca la via – e così per lunghe, lunghe ore“.
Ma la definizione più famosa, e meteorologicamente più fortunata del noto narratore, fu quel “calamita delle nuvole” oggi ripreso da tutti i manuali di meteorologia e climatologia che riconoscono nell’Aspromonte una delle località più umide e piovose d’Italia, con piogge che arrivano a raggiungere i 3.000mm annui medi nelle zone più interne della montagna reggina. Anche in quest’ultimo peggioramento l’Aspromonte si è rivelato davvero calamita delle nuvole: in nessun altro massiccio ha piovuto e nevicato come accaduto tra ieri pomeriggio e stasera, nell’arco di poco più di 24h, in Aspromonte. A Gambarie, come vediamo nell’immagine della webcam, sono caduti circa 35cm di neve, ma molta di più ne è caduta nelle zone interne, dove, a Platì, sono caduti ben 128mm di pioggia, a Sinopoli 92mm, a Canolo Nuovo 83mm, al Passo della Limina 78mm, a Roccaforte del Greco 75mm, a Solano e Antonimina 70mm, ad Arasì 58mm, a Sant’Alessio in Aspromonte e Santa Cristina d’Aspromonte 56mm. Grandi piogge anche tra piana di Gioia Tauro e Costa Viola, con 67mm a Taurianova, 66mm a Rosarno, 63mm a Molochio, 60mm a Giffone e Cittanova, 58mm a Feroleto della Chiesa, 45mm a Bagnara, 37mm a Palmi e 29mm a Scilla. A Reggio, nel capoluogo, sono caduti 34mm di pioggia. E ancora non è finita, in molte località sta continuando a piovere! Precipitazioni particolarmente significative, soprattutto in una situazione così fredda e tipicamente invernale, importanti anche per la loro diffusissima estensione, anche sui versanti jonici e meridionali nonostante le correnti nord/occidentali. L’Aspromonte, così, si conferma ancora una volta “calamita delle nuvole“. Un’azzeccatissima definizione meteorologica che si confermerà ancora nel weekend con altre grandi piogge tra sabato pomeriggio e domenica, quando però le temperature saranno ancora più basse e la neve cadrà a quote collinari con abbondanti accumuli.

DISAGI AL TRAFFICO SULL’A3 – Disagi in serata anche sull’A3 Salerno-Reggio Calabria, nel tratto che transita proprio sulla Costa Viola. Ghiaccio, grandine e nevischio intorno alla galleria di Palmi hanno provocato una serie di incidenti con auto ferme a bordo della strada e un grosso tir fermo di traverso sulla corsia opposta con chilometri di code dovute al maltempo.