Nepal: un antico terremoto uccise il re Abhaya Malla provocando fratture nel terreno

MeteoWeb

Un antico terremoto che uccise il re del Nepal, che finora gli scienziati ritenevano essersi verificato solo in profondita’, riusci’ invece a fratturare la superficie della terra. A rivelarlo e’ la nuova ricerca di Laurent Bollinger, sismologo del Commissariat on Atomic Energy francese, in uno studio pubblicato sulal rivista Nature Geoscience. Sebbene massicci terremoti abbiano spesso colpito la regione oggetto dello studio, gli scienziati finora non pensavano che i quattro sismi di magnitudo almeno 7,8 che si sono verificati nell’area nel ventesimo secolo avessero provocato delle fratture nella superficie. Adesso, gli studiosi hanno dimostrato che due di essi, che si verificarono nel 1255 e nel 1934 (il primo dei quali uccise il re Abhaya Malla), hanno lasciato tracce evidenti sulla superficie. I segni delle fratture del passato sono stati suggeriti da fotografie aree della regione e confermate in seguito a sopralluoghi compiuti dai ricercatori. Secondo gli scienziati, queste prove di passati terremoti miglioreranno le previsioni dei pericoli nascosti dell’area e aiuteranno a gestire meglio la popolazione, che in alcune regioni himalaiane ha una densita’ paragonabile a New York City.