Previsioni Meteo, ecco la nuova perturbazione: forti temporali da oggi pomeriggio, tutti i dettagli

MeteoWeb

Oggi la perturbazione n.2 del mese attraverserà l`Italia da nord a sud: si tratta di una perturbazione atlantica accompagnata da molto vento, deboli nevicate sulle Alpi e piogge soprattutto sulle regioni tirreniche, con il rischio di forti temporali sul basso Tirreno. Le zone più colpite da questo nuovo peggioramento – secondo gli esperti di Epson meteo – saranno le Alpi dove tornerà a nevicare e le regioni del versante tirrenico, dove avremo il rischio di forti temporali. Tra Campania e Calabria tirrenica si potranno avere accumuli di pioggia fino a 100 millimetri nell`arco delle prossime 48 ore. Oggi piogge sparse in Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Centrosud e Isole, tranne Abruzzo, Molise e Puglia, con il rischio di forti temporali in serata in Campania, Calabria tirrenica e Sicilia. Ampi rasserenamenti dal pomeriggio su Piemonte, Ponente Ligure e ovest Lombardia. Deboli nevicate sulle Alpi, anche a 400/500 metri in Valle d`Aosta e Prealpi orientali, un po` di neve in serata anche in Appennino intorno ai 1000/1200 metri. Temperature: Dopo una mattinata fredda anche al Centrosud, le temperature massime sono in aumento in queste regioni mentre al Nord avremo qualche grado in meno rispetto a ieri. Forti venti occidentali su Tirreno e Isole con raffiche fino a 60-80 km/h, che renderanno i mari molto mossi o agitati e conseguente rischio di mareggiate in Sicilia, Sardegna e lungo il Tirreno. I forti venti fanno percepire al nostro corpo temperature inferiori a quelle segnate dai termometri: è l`effetto Wind Chill. Per fare un esempio, con un vento che soffia mediamente sui 5 km/h il nostro corpo percepisce una temperatura inferiore a quella reale di 2 gradi, con 10 km/h ne percepisce 4 in meno, con 20 km/h parliamo di 8 gradi in meno e con 40 km/h si arriva a percepire 12 gradi in meno. Dunque le temperature percepite sono anche di 10-12°C in meno rispetto a quelle registrate dai termometri.
Mercoledì la perturbazione n.2 del mese si allontanerà dalla nostra Penisola favorendo un miglioramento al Centronord, ancora un po` di instabilità al Sud. Più in dettaglio, il tempo risulterà abbastanza buono al Nord e sulle regioni del medio-alto Tirreno, con ampie schiarite un po` ovunque. Insisteranno invece ancora un po` di nuvole nelle restanti regioni centro-meridionali, ma con poche piogge; qualche piovasco è previsto solo sulla bassa Campania, sulla Calabria tirrenica e sui settori occidentali delle isole maggiori. Sempre nelle regioni centro-meridionali è atteso anche un calo delle temperature nei valori diurni e a fine giornata anche in quelli notturni. Il tutto sarà accompagnato da venti sostenuti di Maestrale che soffieranno in tutto il Centrosud, con maggiore intensità sulle isole maggiori, sul basso Tirreno e sul basso Adriatico, dove si potranno toccare raffiche fino a 70-80 chilometri orari. Ventilazione più debole al Nord, a parte qualche rinforzo di Tramontana in Liguria. I mari resteranno di conseguenza agitati nelle regioni centro-meridionali, fino a molto agitati il Mare e il Canale di Sardegna, il basso Tirreno, il Canale di Sicilia e il tratto di mare tra Corsica e Sardegna.
Giovedì giornata tranquilla con prevalenza di bel tempo, a parte un po` di nuvole e pochi fenomeni su Medio-basso Adriatico e versanti tirrenici di Calabria e Sicilia. Venerdì, invece, è atteso un nuovo peggioramento con rischio di neve a bassa quota sulle regioni settentrionali, in particolare al Nordest; da confermare la possibilità di neve in pianura. Alla fine della settimana (in particolare da domenica) è prevista un`altra irruzione di aria fredda polare quindi sarà un weekend dell`Immacolata caratterizzato dal freddo con temperature invernali, di qualche grado al di sotto delle medie stagionali e da un tempo in prevalenza buono al Nord e sul Medio Tirreno, maggiore variabilità nel resto del Paese.