Spazio: domani il 40° anniversario dell’allunaggio dell’Apollo 17, l’ultimo viaggio dell’uomo sulla Luna

    /
    MeteoWeb

    E’ stato il ‘viaggio finale’ del programma Apollo della Nasa, l’ultima volta che l’uomo ha messo piede sulla Luna: e’ la missione Apollo 17, di cui domani ricorrono i 40 anni dall’allunaggio. Lanciata il 7 dicembre 1972 dal Kennedy Space Center di Cape Canaveral in Florida, la missione Apollo 17 tocco’ il suolo lunare l’11 dicembre, a bordo vi erano gli astronauti Gene Cernan, Jack Schmitt e Ron Evans. Undicesima missione del programma Apollo, Apollo 17, sottolinea la Nasa, ha concluso ”la prima spettacolare era dell’esplorazione umana della Luna”. Il sito dell’allunaggio fu la valle Taurus-Littrow, vicino al mare della Serenita’, sul lato visibile della Luna e fu scelto perche’ li’ vi sono le rocce piu’ antiche della Luna ma anche quelle piu’ giovani, rispetto ai materiali raccolti durante le precedenti missioni. Gli astronauti esplorarono la luna a bordo del lander Challenger alla cui ruota, dopo un piccolo urto causato da un martello, fu applicata la prima ‘benda’ extraterrestre, costituita da una striscia di plastica.
    Mentre Evans rimase in orbita lunare a bordo del Modulo di Comando, Cernan e Schmitt si fermarono circa 75 ore sulla superficie lunare per eseguire rilievi geologici, raccogliere campioni dei materiali, mappare le caratteristiche di superficie. Fra gli obiettivi della missione Apollo 17 vi era anche condurre esperimenti in volo e fotografare i paesaggi lunari. Gli astronauti dell’Apollo 17 lasciarono il nostro satellite naturale dopo aver raccolto e caricato circa 115 chilogrammi di campioni di rocce lunari e ammararono nell’oceano Pacifico il 19 dicembre del 1972. Molti sono i record stabiliti dalla missione Apollo 17 che ha visto l’ultimo uomo, Cernan, camminare sulla Luna: il volo piu’ lungo con equipaggio e allunaggio (301 ore, 51 minuti); la maggiore quantita’ di materiale raccolto (circa 115 chilogrammi), il periodo piu’ lungo passato nell’orbita lunare (147 ore, 48 minuti). Dopo quest’ultima missione della Nasa, l’interesse per la Luna si e’ smorzato per un lunghissimo periodo. Un silenzio dovuto anche all’arrivo dello Shuttle e alla nascita della Stazione Spaziale Internazionale (Iss) che avevano concentrato tutta l’attenzione, mentre le missioni scientifiche hanno puntato agli altri pianeti del Sistema Solare, allora sostanzialmente sconosciuti. Ma ora, anche sotto la spinta dei paesi emergenti, come Cina e India che hanno inviato satelliti sulla Luna (la Cina ha persino annunciato di volervi mandare degli astronauti), Stati Uniti ed Europa stanno riconsiderando il nostro satellite nei loro programmi futuri.