Terremoto, tanta paura ad Ascoli dopo la scossa di magnitudo 4 della notte. Verifiche sugli edifici

MeteoWeb

Tanta paura, ma nessun danno a persone e cose a causa della scossa di terremoto di magnitudo 4 registrata alle 2,18 della scorsa notte ad Ascoli Piceno. Stamani un po’ in tutti i comuni e’ iniziata una veloce ricognizione soprattutto degli edifici piu’ vetusti, ma non si segnalano problemi. Gia’ stanotte ad Ascoli e’ stata aperta la Sala operativa integrata provinciale. ”Ci siamo subito raccordati, ma le telefonate ricevute erano solo di persone allarmate, senza segnalazioni particolari – riferisce all’ANSA il sindaco di Ascoli Guido Castelli -. Abbiamo effettuato gia’ una ricognizione in citta’ ed e’ tutto a posto. Per scrupolo stiamo controllando proprio ora gli edifici scolastici”.
A Offida, uno dei centri piu’ vicini all’epicentro, gia’ stanotte e’ scattato comunque il piano di protezione civile comunale. ”Lo abbiamo approvato due settimane fa e, purtroppo, abbiamo subito avuto l’occasione di metterlo alla prova – spiega il sindaco di Offida Valerio Lucciarini -. Subito dopo la scossa di terremoto ci siamo riuniti nella sede della Protezione civile per verificare la situazione. Abbiamo fatto anche una ricognizione in citta’ e non si registrano danni, solo tanta paura”. Molte le chiamate ai vigili del fuoco, ma solo per avere informazioni sull’accaduto. Qualcuno ha dormito in auto, ma si e’ trattato di casi comunque isolati. Ad Ascoli e nel Piceno in generale e’ ancora vivo il ricordo del terremoto dell’Aquila, che fu avvertito in maniera significativa, causando danni ai palazzi piu’ antichi, come ad esempio la Pinacoteca comunale oggetto proprio nei mesi scorsi di un intervento di consolidamento necessario proprio a causa della scossa tellurica in Abruzzo.