Bufere di neve in Abruzzo, due dispersi in montagna. Disagi su A24 e A25

MeteoWeb

La Societa’ Strada dei Parchi informa che la circolazione lungo le autostrade A24-A25 e’ tornata regolare dopo che nella notte l’intera infrastruttura e’ stata interessata da precipitazioni nevose fino a 50 cm che hanno fatto scattare il ”codice rosso” previsto dal piano neve. Lo riferisce la Societa’ Strada dei Parchi precisando che dalle 2:30 alle 8:30 i caselli autostradali sono stati aperti a intermittenza per il filtraggio dei veicoli in ingresso alle autostrade e consentire i controlli della Polizia Stradale e delle Forze dell’ordine. In particolare l’ingresso dei mezzi pesanti e’ stato concentrato presso le zone prestabilite a ridosso dei caselli A24-A25 di Tivoli, Villanova e Teramo. Al termine dei controlli e’ scattato il servizio di ”safety car” per i veicoli in autostrada dietro ai mezzi spazzaneve, con una pattuglia della Polizia Stradale in coda. La transitabilita’ della A24-A25 viene garantita dalla concessionaria Strada dei Parchi grazie alla messa in campo di oltre 400 uomini, 165 mezzi sgombraneve e spargisale, 11 Unimog speciali e 8 innaffiatrici di cloruri. Nonostante il perdurare oggi di precipitazioni nevose, che in quota potrebbero assumere connotazioni di una certa intensita’, la situazione meteorologica e’ segnalata in miglioramento. Tutto il sistema di Strada dei Parchi rimane in stato di prontezza operativa, al fine di garantire comunque la transitabilita’ in sicurezza della A24-A25. La societa’ Strada dei Parchi ricorda agli automobilisti di mettersi in viaggio avendo controllato sempre il perfetto stato di efficienza del veicolo, la regolare dotazione invernale di pneumatici termici o di catene a bordo, nonche’ di informarsi costantemente sulle condizioni della viabilita’ attraverso il sito web www.stradadeiparchi.it, i canali di Isoradio, RTL 102.5, il call center del CIIS viaggiare informati 1518 e quello di Autostrade per l’Italia 840.042121.

DISPERSI DUE ESCURSIONISTI IN MONTAGNA – Due escursionisti, probabilmente travolti da una slavina, risultano dispersi dai ieri sulle alture di Monte Pratello, nell’Alto Sangro, in provincia dell’Aquila. Si tratta, in particolare, di un uomo di Penne (Pescara) e uno di Pescara. Il primo e’ un tecnico del soccorso civile del centro nazionale soccorso alpino e speleologico. Il cellulare di uno dei due continua a suonare e la cella lo ha agganciato proprio nei pressi di una zona dove ieri era caduta una slavina. Mobilitati nelle ricerche, soccorso alpino della Guardia di Finanza con le unita’ cinofile, soccorso alpino del Cai e forestale.