Clima più invernale anche al sud: rovesci, temporali e il ritorno della neve sui rilievi

MeteoWeb
L'ampio "V-Shaped" che sta risalendo l'area ionica

Il maltempo è tornato a colpire le regioni meridionali nelle ultime ore, con piogge, rovesci e temporali, localmente anche intensi e accompagnati da grandinate, rovesci di gragnola in montagna e colpi di vento. In mattinata dei rovesci e dei temporali grandini, apportati da un sistema convettivo a mesoscala lineare, meglio noto con il termine di “V-Shaped”, si è originato a ridosso delle coste della Sicilia orientale, lungo il ramo ascendente dell’ampia saccatura nordica che continua a tenere sotto scacco il nostro paese, ancora per i prossimi giorni. Il sistema “V-Shaped”, una volta scoppiato, risalendo verso nord-est, ha investito la Sicilia orientale e la Calabria centro-meridionale, dove ha apportato dei rovesci e dei temporali, anche di moderata e forte intensità, che hanno colpito il ragusano, nisseno, siracusano, catanese, messine, reggino, vibonese e basso catanzarese ionico, con occasionali grandinate, brevi ma intense, capaci di lasciare temporanei accumuli al suolo. Ma il grosso sistema convettivo, esteso fino alle coste del Salento, basso Adriatico fin sulle coste albanesi, oltre alle forti piogge ha riportato le prime vere nevicate a bassa quota sui rilievi di Sicilia orientale e Calabria. La “dama bianca”, per la prima volta in questo 2013, ha lasciato i primi accumuli fin dai 1100-1200 metri, mentre a quote più basse è stata la gragnola (una tipica precipitazione solida in zone di intensa convenzione derivata dai fiocchi di neve) a imbiancare i paesaggi, soprattutto fra l’Etna, i Peloritani e l’Aspromonte. Le precipitazioni non sono mancate neppure sul comprensorio silano, tornato finalmente a tingersi di bianco dopo i temporali nevosi della mattinata che hanno lasciato accumuli sopra quota 1100 metri. Insomma, l’inverno è tornato a far sentire la propria voce anche sulle regioni del sud. Tra domani e giovedì la quota neve è destinata a scendere ulteriormente, soprattutto sui rilievi di Campania, Basilicata e Calabria, dove si realizzeranno nuovi temporali nevosi.

Allagamenti sulla Calabria tirrenica prodotti dal temporale di stamattina