Le previsioni meteo e le mappe dell’aeronautica militare: tutti i dettagli fino a venerdì 1 febbraio

    /
    MeteoWeb

    Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: residua instabilita’, che sulle estreme regioni del sud, causera’ ancora qualche rovescio e/o temporale, mentre sul resto del paese la pressione risultera’ in graduale aumento. Tempo previsto fino alle 7 di domani. Nord: cielo generalmente poco nuvoloso con presenza di nubi basse sulle aree pianeggianti con possibilita’ di deboli precipitazioni, che localmente potranno essere a carattere nevoso, sulle aree pedemontane tra Lombardia e Veneto; dal pomeriggio, temporanei annuvolamenti, per lo piu’ alti su Piemonte e Valle d’Aosta, in assenza quindi di fenomeni significativi; formazione di nebbie e foschie, localmente dense al primo mattino. Centro e Sardegna: scarsa la nuvolosita’ sul centro peninsulare con cielo per lo piu’ sereno o poco nuvoloso; dal tardo pomeriggio graduale aumento della nuvolosita’ ma senza fenomenologia associata, che risultera’, su Toscana e sulle coste del Lazio, per lo piu’ alta e sottile; nubi irregolari sulla Sardegna per l’intera giornata con possibili isolati piovaschi, piu’ probabili dal pomeriggio.
    Sud e Sicilia: poche nubi sulla Campania mentre sulle restanti regioni la nuvolosita’ risultera’ essere a tratti ancora intensa, associata a pioggia e rovesci su Puglia, Calabria e Sicilia settentrionale, ma con tendenza a generale attenuazione della nuvolosita’, ad eccezione della Sicilia dove, nel pomeriggio-sera, si potranno avere precipitazioni diffuse, anche in forma di rovescio e a carattere nevoso oltre gli 800-1000 metri di quota sui rilievi settentrionali dell’isola. Temperature: senza variazioni di rilievo sulle due isole maggiori e ancora in diminuzione sul resto del paese. Venti: deboli variabili al nord, salvo rinforzi dai quadranti settentrionali nelle vallate alpine e sulle coste dell’Emilia Romagna e del Triveneto, con particolare riferimento al Friuli Venezia Giulia; moderati dai quadranti settentrionali sul resto del paese, con residui rinforzi sulla Calabria jonica e sul Salento e con tendenza a nuovo rinforzo sulla Sardegna dal pomeriggio e sulla Sicilia dalla sera. Mari: poco mossi o mossi il mar Ligure e l’alto Tirreno; molto agitato lo Jonio; da molto mossi ad agitati i restanti mari con moto ondoso in attenuazione.

    Il servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, domenica 27 gennaio. Nord: condizioni di tempo stabile con cielo sereno su tutte le regioni a parte qualche nube bassa presente sulla Pianura Padana nel corso della mattinata; dal pomeriggio nuvolosita’ in arrivo sotto forma di velature ad iniziare dal settore occidentale; le nubi tenderanno a divenire piu’ compatte in serata e poi nella notte e saranno associate a locali piovaschi sulla Liguria e nevicate sul settore alpino piu’ ad ovest e sulla Valle d’Aosta verso la fine della giornata. Centro e Sardegna: giornata all’insegna della stabilita’ con scarsi annuvolamenti, ad eccezione delle aree costiere adriatiche interessate da strati bassi al primo mattino; nel corso del pomeriggio si si assistera’ ad un graduale aumento delle nubi, soprattutto medie e medio-alte, dapprima tra Toscana e Sardegna e poi sulle rimanenti regioni peninsulari durante la nottata. Sud e Sicilia: un po’ di nubi a tratti consistenti tenderanno ad attardarsi tra Puglia, Basilicata, Calabria e Sicilia con ancora qualche piovasco durante la mattinata, ma in successivo deciso miglioramento dal primissimo pomeriggio; prevalenza di ampi spazi sereni sul resto del meridione peninsulare; velature in arrivo sui settori occidentali e settentrionali della Sicilia nel corso della notte. Temperature: minime in diminuzione sulle regioni del basso Adriatico, su quelle joniche e marginalmente in pianura padana, stazionarie altrove; massime in aumento al nord-est e sulle regioni centrali; senza sostanziali variazioni sul resto del paese. Venti: moderati settentrionali sulle regioni adriatiche centro-meridionali, su quelle joniche e tra Sicilia e Sardegna; deboli mediamente settentrionali sulle restanti aree del centro-sud, di direzione variabile al nord. Mari: da mossi a molto mossi il mare di Sardegna, lo stretto di Sicilia, lo Jonio, i settori centro-meridionali del Tirreno e dell’Adriatico; da poco mossi a mossi i restanti mari; moto ondoso in attenuazione su tutti i bacini.

    Il Servizio meteorologico dell’Aeronautica Militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorni. Lunedi’ 28 gennaio Nord: maltempo gia’ dalle prime ore del giorno tra Valle d’Aosta, Piemonte, Liguria e sui settori occidentali di Lombardia ed Emilia Romagna; la nuvolosita’ associata a tale peggioramento sara’ accompagnata da nevicate anche a quote pianeggianti; su queste zone il tempo migliorera’ gia’ in tarda mattinata e contemporaneamente le nubi e le nevicate si trasferiranno al resto del nord; il miglioramento sara’ poi deciso e generalizzato nel corso della notte ma con nebbie che andranno ad interessare la pianura padana. Centro e Sardegna: nuvolosita’ diffusa e consistente sulla Sardegna con piogge e rovesci che tenderanno a persistere fino al pomeriggio per poi localizzarsi sul settore orientale dell’isola verso sera e nella notte; molte nubi anche sulle regioni peninsulari con precipitazioni che dalla Toscana, al primo mattino, tenderanno ad interessare rapidamente anche Marche, Umbria e Lazio; i fenomeni assumeranno carattere nevoso a partire dai 500-700 metri per poi attenuarsi dal tardo pomeriggio; soltanto sull’Abruzzo le precipitazioni saranno scarse o del tutto assenti; complessivo miglioramento con decise schiarite durante le ore notturne. Sud e Sicilia: velature sempre piu’ estese dalla Sicilia si porteranno verso tutte le regioni peninsulari nel corso della mattinata generando un cielo molto nuvoloso o coperto; cio’ non produrra’ fenomeni di sorta se non nel pomeriggio quando le nubi si intensificheranno solo sulla Sicilia dando luogo a precipitazioni che dal settore occidentale si estenderanno alle rimanenti aree dell’isola. Temperature: minime in generale deciso aumento; massime in lieve diminuzione al centro-nord ed in aumento al sud e sulle due isole maggiori. Venti: deboli settentrionali sulle regioni joniche in rotazione da sud-ovest nel corso del pomeriggio; di provenienza meridionale sul resto del territorio; moderati al centro e sulla Liguria, ma su questa regione tenderanno a divenire moderati nord-orientali dalla tarda mattinata; deboli altrove ma con tendenza a divenire forti di maestrale sulla Sardegna dal primo pomeriggio; nel corso della notte poi i venti assumeranno direzione di provenienza settentrionale su tutte le regioni peninsulari risultando in genere moderati. Mari: da poco mosso a mosso l’Adriatico; da mossi a molto mossi i rimanenti mari ma con tendenza a divenire agitati mare e canale di Sardegna.
    Martedi’ 29 gennaio Ancora qualche pioggia tra le due isole maggiori in contesto di tempo generalmente stabile su tutte le regioni peninsulari a parte residua nuvolosita’ attesa ancora sulle estreme regioni meridionali; tornano le nebbie sulla pianura padana e localmente nelle zone interne del centro e del sud. Mercoledi’ 30 gennaio Tempo stabile su tutte le regioni con temperature, specie i valori massimi, attesi in deciso aumento; non mancheranno comunque un po’ di nubi: sottoforma di velature al nord e sotto forma di strati bassi sulle zone costiere centro-meridionali. Giovedi’ 31 gennaio e venerdi’ 1 febbraio Condizioni complessivamente stabili su tutte le regioni ma con nubi in temporaneo transito senza pero’ fenomeni di rilievo associati.