Meteo Sicilia: i modelli confermano le nevicate a bassa quota sui rilievi dell’isola nella giornata di venerdì

MeteoWeb

I modelli sembrano confermare l’arrivo delle prime vere nevicate a bassa quota sui rilievi della Sicilia settentrionale nella giornata di venerdì, per l’irrompere di un flusso di aria piuttosto fredda a tutte le quote, aspirato dall’ampio vortice depressionario, pronto a migrare verso la Basilicata e il golfo di Taranto. Con tale posizionamento l’area depressionaria riuscirà a richiamare un blocco di aria fredda, proveniente direttamente dalla Polonia e dall’Ucraina. Dopo aver attraversato tutto il comportato centro-orientale europeo, questo blocco d’aria fredda slitterà lungo il bordo occidentale della struttura depressionaria, raggiungendo l’Italia centro-meridionale e la Sicilia, con intensi venti di ponente e maestrale pronti a investire il basso Tirreno e l’isola. L’isoterma di -1°C -2°C a 850 hpa (circa 1250 metri) sorvolerà le coste della Sicilia settentrionale, favorendo un abbassamento dello zero termico e della quota neve, pronta ad attestarsi sopra i 700 metri tra Madonie, Nebrodi e Peloritani. La profonda area ciclonica, inoltre, richiamerà verso la Sicilia, correnti fredde dai quadranti settentrionali, che transitando sopra la più tiepida superficie del basso Tirreno, s’instabilizzerà sensibilmente, dando luogo ad imponenti annuvolamenti cumuliformi (in aria fredda post-frontale), in grado di dare la stura a rovesci e temporali sparsi sulle coste tirreniche della Sicilia, pronti ad assumere carattere prettamente nevoso fin dai 700-800 metri tra Madonie, Nebrodi e Peloritani. Ma la neve imbiancherà anche i rilievi interni della Sicilia centrale, gli Erei e probabilmente anche i versanti occidentali e settentrionali dell’Etna. Sembra confermata l’imbiancata sulla città di Enna, ubicata ad oltre 900 metri di quota.