Secondo evento nevoso sui Peloritani, imbiancati i colli messinesi fin dalle basse quote

MeteoWeb
Scenari fiabeschi dai monti Peloritani

Previsioni rispettate. I monti Peloritani sono stati imbiancati, fino a bassa quota, dal primo evento nevoso del 2013, secondo della stagione invernale in corso. Grazie ai temporali in arrivo dal mar Tirreno si sono prodotte fitte nevicate che hanno lasciato un accumulo, approssimativo, di circa 15-20 cm sullo spiazzale del Santuario di Dinnamare (il monte più amato dai messinesi). Le temperature glaciali hanno favorito anche la formazione di grosse stalattiti di ghiaccio che hanno coperto le antenne che sovrastano la piazza. Ma accumuli più consistenti si sono visti sui Peloritani centrali e lungo la fascia meridionale, con depositi anche molto abbondanti lungo i crinali. La neve ha imbiancato anche i colli che sovrastano la città di Messina, in particolare la zona di Pizzo Chiarino, Ziriò e poco sopra il Colle S.Rizzo. In molti tratti, a causa dell’accumulo eolico, il manto nevoso supera anche i 30-35 cm di spessore. Localmente anche più sulla dorsale. A quote più basse, sotto i 600-500 metri, durante i temporali più intensi, si sono verificate fitti rovesci di gragnola e neve tonda, che hanno lasciato temporanei accumuli sino ai sobborghi collinari. Qualche fiocco fradicio, trascinato dalle raffiche di vento in deciso rinforzo dal pomeriggio, si è presentato anche sulle colline dietro la città peloritana, con temperature di soli +3°C +4°C. Sulle zone costiere invece pioggia, rovesci di grandine di piccola taglia e graupel sono stati i grandi protagonisti. La neve che ha dipinto di bianco i monti Peloritani purtroppo non sarà destinata a durare ancora a lungo. Già da domani, infatti, con la ripresa dell’umido flusso atlantico, con l’avvicinamento di una profonda ciclogenesi atlantica verso la Spagna settentrionale, cominceranno ad attivarsi più miti e umidi venti di ostro e scirocco, pronti a far risalire le temperature, in modo anche consistente dalla giornata domenicale. Sulle vette dei Peloritani la neve persisterà fino all’inizio della prossima settimana.

Lo spiazzale di Dinnamare ricoperto dalla neve