Allerta Meteo: freddo, forti piogge e abbondanti nevicate a bassa quota. Tutti i dettagli previsionali

    /
    MeteoWeb

    Piogge forti e nevicate a bassa quota sull’Italia. E’ lo scenario invernale che si presenta per i prossimi giorni. Fino a sabato – secondo gli esperti di Epson meteo – le regioni più colpite saranno quelle centro-meridionali, mentre al Nord prevarranno le schiarite, ma con clima sempre più freddo. Per lunedì è probabile l`arrivo di un`intensa perturbazione che potrebbe portare forti piogge sulle regioni tirreniche e nevicate anche a bassa quota al Nord. Oggi molte nuvole sull`Italia, ma con più spazi di sereno al Nord e sull`alta Toscana; piogge e temporali al Centrosud, con quota neve fino a 400-700 metri al Centro e in Sardegna, oltre 800-1000 metri sull`Appennino meridionale e in Sicilia, ma con tendenza a un graduale ulteriore abbassamento della quota in serata. I fenomeni saranno maggiormente insistenti su medio Adriatico, Lazio, Campania, Calabria e Isole. Temperature ovunque in diminuzione, ma per il momento ancora intorno alla norma. Forti venti di Maestrale intorno alle Isole, con raffiche fino a 80-100 km/h sulla Sardegna; ventoso anche su Alpi e Liguria. Secondo i dati che ci arrivano dai bollettini di AINEVA, il pericolo valanghe continua anche per la giornata di oggi, giovedì 7 febbraio e sarà marcato su gran parte dell’arco alpino, soprattutto a Nordest. Particolarmente a rischio il Friuli Venezia Giulia. Lo rende noto il bollettino emesso dalla Protezione Civile sulla base delle previsioni Osmer Arpa. Sono possibili valanghe a lastroni, sia spontanee che provocate, per la presenza di accumuli da vento a tutte le esposizioni. Il manto nevoso va lentamente consolidandosi in particolare sotto i 1500 metri.
    Per la giornata di domani, venerdì 8, ecco cosa è previsto: al mattino poche nubi al Nord, su Toscana, Umbria e alto Lazio. Altrove nuvoloso, con qualche debole precipitazione isolata lungo il medio Adriatico, piogge o rovesci sparsi al Sud e sul nord della Sicilia. Nel corso del pomeriggio fenomeni in attenuazione in gran parte del Sud; possibili ancora rovesci tra Calabria e Sicilia. La sera qualche rovescio attorno al basso Tirreno e sul nord-ovest della Sardegna. Limite neve fino a quote collinari al Centro e sopra 800 m altrove. Temperature in ulteriore lieve calo. Ancora venti forti al Centrosud. Nel weekend, a partire da sabato, il tempo sarà ancora discreto al Nord anche se non mancherà qualche nuvola. Ancora instabile sul Medio Adriatico, al Sud e in Sicilia, marginalmente anche in Sardegna. Soprattutto il Sud vedrà dei rovesci e dei temporali. La quota neve al Sud si manterrà tra 300-500 metri. A fine giornata (sabato) però tra Basilicata e Puglia potrebbe scendere fino a 200 metri. Foggia quindi potrebbe essere imbiancata come anche Avellino e Benevento. Caserta potrebbe vedere qualche fiocco di neve. Sul Medio Adriatico, tra Abruzzo e Molise, è prevista neve fino in pianura; Pescara potrebbe vedere qualche spruzzata di neve e visto che nel pomeriggio il maltempo coinvolgerà temporaneamente anche il basso Lazio, anche una città come Frosinone potrebbe vedere qualche fiocco di neve. Anche sabato sarà una giornata ventosa soprattutto al Centrosud per venti da nord che potranno arrivare fino a 50-60 Km/h. Domenica, ci saranno dei residui fenomeni sul basso Tirreno e sul Medio e Basso Adriatico. A fine giornata però il tempo inizierà a peggiorare al Nordovest per l`arrivo di una nuova, intensa perturbazione atlantica.
    Lunedi` una nuova perturbazione atlantica potra` imbiancare il nord. Al momento viene confermato il ritorno della neve al Nord fino in pianura. Seguiranno maggiori aggiornamenti. Da oggi, si registra un progressivo calo delle temperature. Già stamattina, rispetto ieri, le temperature minime sono calate ovunque, soprattutto al Centrosud. Ad esempio ieri ad Ancona la minima registrata era di 8 gradi, oggi di appena 1 grado, a Roma di 7 gradi, oggi di 3 gradi, a Napoli da 10 gradi si è passati a 4 gradi e a Palermo da 12 gradi a 7 gradi. La prossima notte scenderanno ancora con valori sottozero in gran parte del Centronord, soprattutto al Nord. Ad esempio sono previsti -5 gradi a Cuneo, Bolzano e Udine, -4 gradi a Torino e Novara, -3 gradi a Piacenza, -2 gradi a Bergamo e Bologna, 0 gradi per Milano. Il prossimo weekend poi potrebbe essere tra i più rigidi degli ultimi mesi: le temperature minime si manterranno di diversi gradi sotto lo zero, provocando la formazione di forti gelate notturne e mattutine, soprattutto al Nord. Il freddo toccherà il suo apice nella giornata di domenica e si farà sentire di più nelle regioni settentrionali. In alcune zone le temperature scenderanno anche di 10 gradi rispetto ai valori degli ultimi giorni. Dalla prossima settimana comincerà un graduale rialzo termico, ma il clima si manterrà freddo con temperature tipicamente invernali. Da metà mese inizierà invece un periodo relativamente più mite. Le elaborazioni a lungo termine non “vedono” altre irruzioni gelide almeno fino all`inizio di marzo.