Le previsioni meteo e le mappe dell’aeronautica militare per i prossimi giorni: tutti i dettagli fino a venerdì 1 marzo

    /
    MeteoWeb

    Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia. Situazione: un’intensa perturbazione atlantica sta interessando il nostro paese determinando condizioni di instabilita’ specie al centro-nord. Tempo previsto fino alle 7 di domani. Nord: piogge e neve a quote molto basse sulla Liguria, in rapida estensione all’Emilia Romagna e progressivamente a tutto il resto del nord; neve a quote di bassa collina o di pianura sull’Emilia Romagna, sull’Oltrepo pavese, sul basso Piemonte e su tutta la fascia sub-alpina, con accumuli localmente consistenti, specie sull’Emilia e sull’Appennino tosco-emiliano. Centro e Sardegna: nuvolosita’ diffusa e compatta ad iniziare dalla Sardegna e dalle regioni tirreniche e in estensione a quelle adriatiche; piogge diffuse e persistenti, specie tra Lazio e Toscana, con neve sulla Toscana e sulle Marche settentrionali a quote superiori a 500 metri e a quote superiori a 800 metri sul resto del centro, ma con quota della neve in progressivo aumento; le precipitazioni risulteranno localmente intense anche a carattere di temporale su Toscana e Lazio; attenuazione dei fenomeni dal pomeriggio sulla Sardegna, in successiva estensione a Toscana, Marche e fascia costiera dell’Abruzzo.
    Sud e Sicilia: rapida intensificazione della nuvolosita’ con piogge su Campania, Molise e Sicilia occidentale, in successiva parziale estensione al resto del sud; temporali intensi sulla Campania e sul Molise nel corso del pomeriggio e della serata. Temperature: massime in aumento al nord, in diminuzione sulla Toscana e senza variazioni di rilievo sul resto del paese. Venti: forti da nord nord-est su Liguria, Toscana e golfo di Trieste; forti da sud-ovest su Sardegna, regioni del medio e basso Tirreno e Sicilia occidentale, con tendenza a ruotare da nord-ovest sulla Sardegna; moderati da est in pianura padana; moderati dai quadranti meridionali sul resto del paese, con tendenza a rinforzare da sud sulle regioni joniche e sul Molise. Mari: agitati il mare e il canale di Sardegna e il Tirreno meridionale; molto mossi i restanti bacini ad ovest della penisola; mossi i rimanenti mari; moto ondoso in generale aumento dal pomeriggio-sera.

    Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per la giornata di domani, domenica 24 febbraio 2013. Nord: mattinata all’insegna di locali aperture sulle regioni orientali, sebbene con deboli precipitazioni sparse ancora nevose a bassa quota; molte nubi invece sulle regioni occidentali, con temporali pomeridiani sulla Liguria e con precipitazioni diffuse, a carattere nevoso fino in pianura su Emilia, Piemonte e Lombardia occidentale, a quote collinari sui rilievi liguri; fenomeni in generale attenuazione a fine giornata. Centro e Sardegna: cielo da molto nuvoloso a coperto sulla Sardegna, sulle regioni tirreniche e sull’Umbria; qualche apertura sulle regioni del versante adriatico; piogge anche a carattere temporalesco sull’isola, sulla Toscana e sul Lazio settentrionale, specie lungo le coste di queste ultime; nella mattinata, possibile nevicate a quote superiori ad 800-1000 metri in Appennino. Sud e Sicilia: cielo molto nuvoloso o coperto con piogge e temporali sparsi, piu’ intensi sulla Campania nelle prime ore del giorno, sulla Puglia, sulla Sicilia orientale e sulla Calabria nel corso del pomeriggio; miglioramento in serata. Temperature: minime in aumento sulla fascia alpina e sub-alpina, sulle regioni centrali e sulla Liguria, in diminuzione sensibile sulla Sardegna, stazionarie sul resto del paese; massime in diminuzione sensibile sulla Sardegna, sulle regioni meridionali tirreniche e sulla Sicilia, in aumento invece sul resto del territorio. Venti: forti da ovest sulla Sardegna, da sud-ovest sulla Toscana e da sud sulla Sicilia; moderati orientali in pianura padana e settentrionali sulla Liguria; moderati occidentali o meridionali sul resto del territorio. Mari: molto agitato il mar di Sardegna, con mareggiate sulle coste nord-occidentali dell’isola; agitati il canale di Sardegna, l’alto Tirreno, il basso Adriatico e lo Jonio settentrionale; molto mossi tutti gli altri mari.

    Il servizio meteorologico dell’Aeronautica militare comunica le previsioni del tempo sull’Italia per i prossimi giorni. Lunedi’ 25 febbraio Nord: in mattinata condizioni di annuvolamenti irregolari sulle regioni orientali mentre nubi medio-basse compatte copriranno le restanti zone del nord con precipitazioni nevose fino in pianura ancora sulle regioni occidentali, a quote di collina sulla Liguria; nel corso del giorno tenderanno ad aumentare le schiarite sulle regioni orientali mentre si attenueranno le precipitazioni su quelle occidentali rimanendo confinate al basso Piemonte a fine giornata. Centro e Sardegna: condizioni di instabilita’ sulle regioni tirreniche e la Sardegna con temporali in mattinata; rovesci nevosi fino a quote molto basse potranno interessare le zone della bassa Toscana, dell’Umbria occidentale e del viterbese nelle prime ore del giorno; neve in mattinata sulla Sardegna fino a quote di 300-500 metri; tendenza col passare delle ore all’attenuazione dei fenomeni sulle regioni occidentali, in trasferimento alle aree costiere orientali; neve in Appennino con quota neve intorno ai 600-800 metri. Sud e Sicilia: cielo in prevalenza molto nuvoloso con precipitazioni che dalle aree tirreniche si trasferiranno a quelle joniche prima ed adriatiche poi, con attivita’ temporalesca sulla Campania nella prima parte del giorno, sui settori jonici tra il pomeriggio e la serata; possibili nevicate sull’Appennino meridionale a quote superiori ai 1000 metri. Temperature: minime in sensibile diminuzione al centro-sud peninsulare e sulla Sicilia, in aumento sul settore alpino occidentale, stazionarie sulle restanti zone del paese; massime in lieve aumento al centro-nord, in diminuzione sulla Sicilia, stazionarie altrove. Venti: mediamente moderati meridionali al centro-sud, orientali al nord con rinforzi in pianura padana. Mari: da molto mossi ad agitati mare e canale di Sardegna; da mossi a molto mossi il mar Ligure, il Tirreno, lo stretto di Sicilia e lo Jonio; da poco mosso a mosso l’Adriatico. Martedi’ 26 febbraio Qualche apertura su regioni centrali tirreniche e del nord-est, nubi diffuse sulle restanti zone del paese con precipitazioni, localmente a carattere temporalesco in area jonica, nevose fino in pianura sul basso Piemonte a quote molto basse sulla Liguria; possibili nevicate sull’Appennino centro-settentrionale a quote intorno a 500-800 metri; graduale generale miglioramento nella seconda parte del giorno. Mercoledi’ 27 febbraio Maggiori schiarite sulle regioni centrali tirreniche ed al nord, seppur in presenza di strati bassi irregolari sulla pianura padana; ancora annuvolamenti a tratti intensi sulle restanti zone del paese con deboli piogge in ulteriore attenuazione. Giovedi’ 28 e venerdi’ 1 marzo Un nuovo peggioramento avanza da ovest con interessamento della Sardegna nella giornata di giovedi’ e delle regioni centro-meridionali e la Liguria nella giornata di venerdi’.