Pioggia di meteoriti in Russia: bilancio salito a 700 feriti. Tra qualche ora il transito di 2012 DA14

MeteoWeb

E’ salito ad oltre 700 il bilancio dei feriti a causa della pioggia di meteoriti avvenuta questa mattina in una zona degli Urali a circa 1.500 chilometri a est di Mosca. A quanto pare il piccolo asteroide, del peso di 10 tonnellate, è esploso in più frammenti nella parte bassa dell’atmosfera, formando una pioggia di cristalli che si è abbattuta sulla Russia centrale. Le schegge hanno colpito sei città nella regione di Cheliabynsk, causando il ferimento di 725 persone, per lo più in modo lieve. Almeno 112 feriti sono stati ricoverati in ospedale, di cui due in terapia intensiva. Il tutto mentre è atteso per le prossime ore il passaggio dell’asteroide 2012 DA14, grande 50 metri, che farà la “barba alla Terra” in un passaggio record per un oggetto di queste dimensioni. La NASA, sul suo sito web, ha mostrato una sequenza animata creata dagli astronomi dell’osservatorio italiano di Remanzacco, che hanno elaborato le immagini catturate dal telescopio Faulkes South a Siding Springs, in Australia. L’asteroide si avvicina a 28.100 Km/h e si avvicinerà sino a 27680 Km. Secondo l’Agenzia spaziale europea (ESA) non c’è alcun collegamento tra i due fenomeni. Intanto fonti militari anonime russe hanno riferito ai media locali che il meteoroide di stamattina è stato individuato da un’unità di difesa aerea e fatto esplodere ad un’altezza di circa 20 chilometri con un missile a salve. L’esercito tuttavia, ha smentito la notizia. Il corpo celeste sarebbe esploso nove volte, la prima a una distanza di 55 chilometri dalla terra, per poi produrre la pioggia di cristalli che ha investito il suolo, danneggiando almeno 297 case private, ma anche sei ospedali e 12 scuole. “Per non bruciare significa che i frammenti erano molto grossi; in caso contrario avremmo visto soltanto una scia luminosa, quella che tutti chiamano stella cadente“, ha aggiunto l’astrofisica Margherita Hack. Tra qualche ora la diretta del transito dell’asteroide.