Pioggia di meteoriti in Russia, è nuova “corsa all’oro” per i frammenti dell’asteroide: valgono tantissimo!

MeteoWeb

Nella regione di Celiabinsk, intorno al lago ghiacciato di Cerbakul, dove venerdi’ si e’ disintegrato un corpo celeste che con la sua potente onda d’urto ha ferito oltre 1200 persone e danneggiato quasi 4000 edifici si e’ scatenata una nuova corsa all’oro. Cacciatori di meteoriti sono giunti immediatamente da ogni dove per partecipare alla caccia al frammento. D’altra parte la domanda dei collezionisti internazionali è tale, scrive l’edizione on line di ‘The Guardian’, che un minuscolo frammento del meteorite potrebbe esser pagato centinaia di dollari. Sui siti russi sono gia’ comparse le prime quotazioni. Secondo il Mailonline, per ogni singolo pezzettino l’offerta puo’ arrivare anche a 6.500 sterline. Ma come si fa a sapere che quello che si sta comprando è un autentico frammento dimeteorite e non un semplicissimo pezzo di cemento dipinto? “La prima cosa da cercare è la ‘crosta fusa'”, spiega in un intervista al The Guardian online, la dottoressa Natalie Starkey, cosmochimica presso la Open University. “Pensate a come appare la crosta del pane appena sfornato. L’esterno del meteorite sarà lucido, liscio e nero. Perche’ il calore generato entrando nella nostra atmosfera fa s che l’esterno della roccia si fonda e diventi come vetro. Questo aspetto Š un buon indicatore del fatto che si tratta di un meteorite, ma, purtroppo, non basta. Si avrà comunque bisogno della perizia di un esperto.” La British and IrishMeteorite Society mette in guardia sul suo sito web dai “venditori senza scrupoli”, che possono vendere rocce qualsiasi per meteoriti”. E consiglia di informarsi bene sui vari tipi di meteorite e magari acquistare solo da rivenditori attendibili, possibilmente da un un membro della International Meteorite Collectors Association. Mentre una buona fonte di informazioni sulle aste di eBay e’ il sito Meteorite-Identification.com. Nel lago ghiacciato di Cerbakul, gli esperti hanno trovato un buco nel ghiaccio presumibilmente dovuto a un frammento del meteorite. E dopo tre giorni di attenta ricerca sono riusciti a recuperare frammenti di pietra che presentano un forte campo magnetico ed emettono tracce insolitamente elevate di radiazioni, chiari segni, secondo gli studiosi, che quei frammenti arrivano proprio dallo spazio.