Previsioni Meteo: lo Stretto di Messina come un fiordo norvegese entro domenica?

MeteoWeb
Lo Stretto di Messina osservato dai Peloritani imbiancati. Si ringrazia Antonio Ingemi per lo splendido scatto

Non è certo uno scherzo, del resto non sarebbe la prima volta, ma neanche l’ultima. Stando agli ultimi aggiornamenti dei modelli matematici una massa d’aria molto fredda, di lontane origini artico marittime, proveniente dal mare della Groenlandia, riuscirà ad affondare fino al cuore del mar Mediterraneo, provocando un deciso crollo termico e parecchia instabilità che culminerà con l’avvento di nevicate fino a bassissima quota su molte regioni dell’Italia centro-meridionale, dall’Abruzzo fino alla Calabria, passando pure per Sardegna e Sicilia settentrionale. L’irruzione di matrice artica non risparmierà neppure l’area dello Stretto che all’inizio della nuova settimana verrà raggiunta dalla parte più consistente del nucleo di aria fredda scivolato sull’Europa centro-occidentale. Lo scorrimento di queste masse d’aria d’aria molto fredde, coadiuvate anche da un importante anomalia positiva nella tropopausa (geopotenziali molto bassi), sopra le più tiepide acque del basso Tirreno, innescherà fortissimi contrasti termici che daranno luogo ad imponenti annuvolamenti cumuliformi, capaci di dare la stura a rovesci e temporali, pronti ad assumere prevalente carattere nevoso a partire da quote collinari, tra Peloritani e Aspromonte. Sui rilievi che contornano l’incantevole scenario dello Stretto di Messina, quindi, potrà cadere tanta neve fresca, con temporali brevi ma intensi, che oltre a tingere di bianco i monti regaleranno degli scenari davvero suggestivi a questo braccio di mare, degni di un fiordo norvegese.